Le meravigliose cascate di Krimml

cascate-krimml

L’Austria è ricca di foreste verdeggianti e panorami mozzafiato. Le cascate di Krimml, che coprono un dislivello di 380 metri,  sono una delle mete più gettonate dai turisti in cerca di pace, tranquillità e relax lontano dal rumore e dall’inquinamento delle città.

Le cascate di Krimml sono un vero tesoro naturalistico di rara bellezza, che ammalia il turista trasportandolo come in un sogno in un territorio ricco di fascino e magia.  Le 3 cascate sono situate nel Parco Nazionale degli Alti Tauri e sono considerate le più alte in Europa. Sono formate da un torrente che nasce a 2300 metri e percorre un avvallamento molto suggestivo per poi gettarsi a valle formando le cascate.

La meta è ambita anche per gli escursionisti e gli amanti della flora e della fauna che possono fare a piedi un sentiero molto facile (il dislivello è di 600 metri ma è adatto anche alle famiglie con bambini) che in 2 ore porta alle cascate e poi in altre 2 ore al rifugio Tauernhaus dove è possibile riposarsi e godere dello spettacolo incontaminato di un luogo ancora molto selvaggio.

Le pareti rocciose delle montagne circostanti si alternano a freschi boschi e prati pianeggianti che in primavera e in estate abbagliano per la bellezza dei fiori, il profumo e le essenze degli alberi, la limpidezza dell’acqua delle 3 cascate. Il turista può godere lungo il sentiero di numerosi punti panoramici dove può ammirare anche fare birdwaching e scoprire con un binocolo gli animali della zona.

Gli scenari sono molto suggestivi: le masse d’acqua che creano serpentine anche molto ripide, il vapore e la voce dell’acqua che si muove fluttuando verso il basso, sono la vera attrazione della zona. Una visita alle cascate deve includere ovviamente la presenza di una macchina fotografica per immortalare gli attimi più emozionanti come il tramonto del sole o la luce soffusa nei boschi della zona.

Le cascate sono facilmente raggiungibili da Salisburgo e si trovano vicino al confine con l’Italia e con la Forcella del Picco.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!