Iron Maiden: The Book of Souls
Iron Maiden: the Book of Souls
copertina del nuovo album degli Iron Maiden The Book of Souls

Il nuovo disco degli Iron Maiden sta per uscire.
Il gruppo londinese formatosi nel 1975 sta per lanciare il sedicesimo album; dopo The final Frontiers uscito nel 2010, a settembre 2015 ci sarà l’uscita di The Book of Souls, mentre il 14 agosto lanceranno il singolo Speed of Light.
Fra le pagine dei social network, i blog ed i forum, i fan si stanno dividendo in chi dice che sarà un disco flop e chi invece non ritiene possibile che sarà una delusione; e poi ci sono quei seguaci che diligentemente aspettano di sentire il lavoro prima di demolirlo a priori.
Certo è che è una band di lunga data; hanno avuto alti ma anche bassi, sono artisti ma anche esseri umani e a volte, sperimentando un po’, perdono quell’impronta caratteristica che li ha portati al successo (ma dato che da quarant’anni calcano le scene, se lo possono concedere).
Per ora possiamo solo affidarci alle parole di due dei sei componenti della band.

Steve Harris, lo storico bassista del gruppo, riferendosi al nuovo lavoro, ha fatto la seguente dichiarazione: “Abbiamo approcciato questo album in modo differente, alcuni brani li avevamo registrati in precedenza. Molte delle canzoni in realtà sono state scritte mentre eravamo li in studio, abbiamo provato e registrato subito mentre erano ancora fresche e penso che l’immediatezza della registrazione si senta molto nelle canzoni, sembrano registrate live. sono molto orgoglioso di The Book of Souls e non vediamo l’ora di farlo ascoltare ai nostri fans, e soprattutto di portarlo in tour il prossimo anno”.

Inoltre Bruce Dickinson, il cantante della band, ha aggiunto che per loro è stato emozionante registrare questo album nei Guillame Tell Studios di Parigi, dove incisero nel 2000 Brave New World album, che hanno ricreato in loro vecchie atmosfere e gli hanno fatto provare di nuovo le stesse emozioni dell’epoca. Da queste parole possiamo intendere che il nuovo lavoro avrà una carica nuova ma con un sapore “antico”.

Concerti
Il tour è slittato al prossimo anno a causa della malattia di Bruce, il quale a dicembre 2014 in uno dei check-up di routine scoprì di avere un tumore alla lingua che fortunatamente era in stato iniziale, e dopo aver affrontato una chemioterapia ed una radioterapia ha sconfitto il male tornando a lavorare appena ha potuto.
I fans sono in trepidante attesa, non solo di ascoltare il nuovo lavoro ma soprattutto aspettano il tour per vedere con i loro occhi il frontman della band grintoso più che mai.

Track list
E’ stata resa pubblica la track list, saranno due cd, c’è anche una limited edition con all’interno un libro.
CD 1
1. If Eternity Should Fail (Dickinson) 8:28
2. Speed Of Light (Smith/ Dickinson) 5:01
3. The Great Unknown (Smith/ Harris) 6:37
4. The Red And The Black (Harris) 13:33
5. When The River Runs Deep (Smith/ Harris) 5:52
6. The Book Of Souls (Gers/ Harris) 10:27
CD 2
7. Death Or Glory (Smith/ Dickinson) 5:13
8. Shadows Of The Valley (Gers/ Harris) 7:32
9. Tears Of A Clown (Smith/ Harris) 4:59
10. The Man Of Sorrows (Murray/ Harris) 6:28
11. Empire Of The Clouds (Dickinson) 18:01

Come dicono i cultori del genere: stay metal \m/ .

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!