Idea regalo: spedire il vino. Ecco come fare

Spesso capita di restare a corto di idee per un regalo, soprattutto a qualche amico che non vediamo da tempo e che magari abita distante dalla nostra città. Ma c’è un servizio online che può risolvere questo problema…

“Chi beve solo acqua ha un segreto da nascondere”, diceva il grande poeta francese Charles Baudelaire. Forse esagerava, ma è innegabile che un buon bicchiere di vino sia un ottimo corredo a qualsiasi situazione: una cena tra amici, sul modello del convivio greco, ma anche un appuntamento romantico o solo un momento di relax personale.

Una confezione di bottiglie di vino può dunque diventare un’ottima idea regalo, anche last-minute, perché in commercio ci sono infinite tipologie, incontra i gusti di molte persone e, come vedremo, è anche facile da spedire e far consegnare.

I destinatari. Impossibile stilare un elenco completo dei possibili destinatari di questo regalo, proprio per la sua versatilità. Si può pensare a un dono di Natale per parenti o amici, presente di compleanno per un collega, addirittura dono di nozze per una coppia che ci ha invitati al matrimonio. Le possibilità sono davvero tante, basta solo ingegnarsi e magari provare a carpire qualche informazioni sui gusti dei nostri beneficiari.

spedire il vinoIl primo passo. Ovviamente, la prima cosa da fare è decidere quale e quanto vino acquistare. L’operazione è molto agevolata se conosciamo le preferenze della persona cui il pensiero è indirizzato, perché possiamo andare a “occhi chiusi” sull’etichetta e la qualità precisa; ma basta seguire pochi piccoli consigli per rendere questa operazione semplice anche in altre situazioni. Bisogna dunque fissare il proprio budget di spesa: quante bottiglie vogliamo comprare e spedire? Di quale livello? Chi più spende, meno spende, dice il proverbio, e sappiamo che ci sono vini che arrivano a prezzi davvero esagerati… E allora, dobbiamo provare a rispondere ad alcune domande per orientare meglio la nostra spesa: il beneficiario del regalo è un esperto o si ritiene tale? Oppure è un “semplice” amante di un buon bicchiere? A ogni risposta corrisponderà un profilo – e un acquisto – differente.

Intenditore o consumatore distratto? È evidente che se il nostro amico è un “mancato” sommelier la scelta del vino ci può creare qualche grattacapo, perché sicuramente ne andrà a osservare l’etichetta, l’annata e tutti i dettagli che sfuggono ai consumatori meno attenti. Ma l’Italia è piena di ottime produzioni e cantine, con l’unico inconveniente che la spesa salirà un bel po’:  Gaja, Frescobaldi, Mastroberardino.. da Nord a Sud sono tante le eccellenze, e forse servirà consultare qualche guida specialistica per non incappare in errori. Se invece abbiamo a che fare con una persona di inferiore cultura enologica, o se magari non sappiamo molto delle sue abitudini, possiamo concentrarci su prodotti sempre di qualità, ma dal nome meno “eclatante”. Decisa la merce e completato l’acquisto, dobbiamo poi provvedere a sistemare adeguatamente le bottiglie in una scatola da imballaggio, preparandole all’invio.

Come spedire il vino. Risolto il problema più grande, ora la strada si mette in discesa. Potrebbe sembrare un controsenso, perché ora arriva la parte più delicata, la spedizione, ma invece grazie al sito spediresubito.com è proprio così. Il portale dedica un’intera sezione al servizio di spedizione di casse di vino o di spumante (attenzione, non sono accettate altre bevande alcoliche o vini fatti in casa), esteso addirittura a tutta Europa a prezzi davvero vantaggiosi. Ogni lotto è composto da una cassa con 6 bottiglie da 0,75 litri, e più casse spediremo, più sarà conveniente: la prima costa 35 euro iva inclusa, due invece 50 euro e via così. Le operazioni di prenotazione del servizio sono altrettanto semplici, basta compilare il form online inserendo i propri dati per il ritiro della merce e, ovviamente, quelli del destinatario della consegna, che di solito avviene entro 72 ore.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!