Chitarristi: Marco Barusso

Marco Barusso

Marco Barusso ha collaborato come chitarrista, fonico, produttore e arrangiatore a tantissimi progetti discografici italiani ed internazionali.
Attualmente è impegnato con i Cayne.
Con i Cayne ha registrato quasi tutto il disco con una sei corde accordata in Do che montava le. 013 con a volte
la sesta corda in Sib, alcuni assoli e certe sovraincisioni le aveva fatte con chitarre con accordatura normale.
Una volta che si trovava a rifare quei pezzi dal vivo era in difficoltà per gli assoli, perché i bending con le. 013 non sono così facili e perché e si ritrovava a suonare in fondo al manico sugli ultimi tasti.
Quindi ha optato per utilizzare delle chitarre a sette corde.
Poi ha iniziato a scrivere dei pezzi nuovi proprio con la sette corde.
Adesso suona dal vivo con chitarre Washburn a 6 e 7 corde, senza leva.

Fino a poco tempo fa usava una sette corde con la leva vibrato, ma ora tendenzialmente usa il ponte fisso perché, su accordature così basse, o metti tutte le molle che hai (e ci si ritrova con una leva di legno) oppure farla restare accordata non è proprio così semplice.
Le Washburn hanno un manico abbastanza spesso, che regge bene e suona di più secondo lui.
Poi gli piacciono i tasti super jumbo.
La cosa che trova molto importante sono i pick-up attivi EMG 707.
Gli piacciono molto perché con i Cayne gli servono dei suoni molto definiti.
Questi pick-up sono la giusta via di mezzo fra il corpo degli humbucker e l’attacco dei single-coil.
Malgrado siano attivi non sono megapompati.
A lui piacciono i pick-up bilanciati, con sempre un po’ di attacco.
Magari poco potenti ma con un attacco più definito.
Poi hanno la caratteristica di non essere chiusi in alto e a lui piace sentire gli estremi di banda.
Hanno un suono che gli piace molto sui puliti un po’ effettati.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!