Ecco i motivi per cui in estate è facile tradire

tradimento estate
Pare che in estate sia più facile tradire. Ma perché? Quali sono i motivi?

Sono molte le persone che in estate tradiscono il/la loro partner e non sempre un tradimento lo si può perdonare; bisogna farlo con la certezza che quello è accaduto in futuro non sarà una minaccia per la serenità del rapporto.

I motivi per cui in estate aumentano le classiche scappatelle sono molti, ma resta comunque il fatto che se la relazione è ben salda difficilmente andrà incontro a situazioni simili.

La lontananza alimenta il tradimento 

Sicuramente la lontananza gioca un ruolo fondamentale. Se si è costretti a stare lontani dai propri partner per lunghi periodi sarà più facile cadere in tentazione; può succedere in una serata nostalgica con magari complice qualche bicchierino di troppo. Se ci si ritrova in una situazione piccante, la solitudine può giocare alcuni brutti scherzi e far commettere azioni non proprio lodevoli.

L’estate aumenta la libido

In questa stagione dell’anno tende ad aumentare il desiderio sessuale; magari è un discorso che non vale per tutti, ma per la maggior parte dei traditori sale la voglia di giocare e se i propri compagni non sono disponibili, ecco che ci si butta tra le braccia di un’altra persona. La visione irresistibile di corpi svestiti fa aumentare il desiderio negli uomini, mentre se una donna in vacanza si sente corteggiata può cedere alla tentazione. Certo è che in estate i punti deboli diventano un po’ più deboli rispetto al resto dell’anno.

Il tradimento in estate non riveste molta importanza

Molte persone vedono una scappatella estiva come un qualcosa di poco conto, quasi come se fosse una pausa dalla relazione sentimentale; questa visione appartiene sopratutto a chi ha una relazione da molto tempo. L’avventura estiva, quindi, diventa una sorta di piacevole intervallo al quale si può cedere liberamente. Per alcuni l’estate è il momento giusto per mettersi in gioco prestando ascolto alle proprie fantasie e gettandosi nella mischia.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!