Mondo Mamme: Post parto

Ce l’hai fatta e hai partorito: solo per questo meriteresti una medaglia d’oro, d’argento e di bronzo. Ma mentre si intensifica il tuo legame con il bambino, il tuo fisico sta lavorando oltremisura per riprendersi dopo le fatiche dall’attesa e del parto. Ogni mamma si riprende a modo suo: secondo le indicazioni generali, il corpo impiega dalle due alle sei settimane e spesso anche di più. Qualunque cosa accada, datti del tempo per recuperare le forze. Quindi che sia la stanchezza post parto o i punti a farti male, ecco ciò di cui si lamentano maggiormente le neomamme e i consigli per stare meglio quanto prima.

Hai avvertito dolore dopo l’epidurale: Perchè gli effetti dell’epidurale o del blocco spinale passino, potrebbero volerci un paio d’ore. Te ne accorgi quando inizi a sentire un formicolio lungo le gambe e dolori di stomaco lancinanti. Se hai avuto un cesareo, ti verrà somministrata delle morfina mentre sei ancora in ospedale per alleviare i dolori dell’operazione. Una volta a casa , se il tuo medico non ti ha prescritto degli analgesici, puoi prendere del paracetamolo o ibuprofene contro i dolori e malessere. Se anche una piccola parte del medicinale dovesse finire nel latte materno, non darà problemi al bambino.

Hai un gonfiore attorno ai punti: Se hai subito un’epsiotomia, un taglio cesareo chirurgico al perineo per permettere al bambino di uscire o una lacerazione durante il parto, ti verranno messi i punti. I ginecologi usano punti riassorbibili , in modo da non doverli rimuovere. Il dolore potrebbe durare un paio di settimane, soprattutto quando fai la pipì, visto che l’urina è acida. Versa dell’acqua calda sulla parte o fai pipì della doccia, allevierà il dolore. Puoi anche mischiare quattro gocce di olio di lavanda con del latte e aggiungerlo nell’acqua prima di fare un bagno, perchè ha proprietà antisettiche, curative e analgesiche. Il tuo ginecologo controllerà i punti durante la visita post parto. Se noti che sono gonfi o hanno un odore particolare, vai dal tuo medico di base, potrebbe essere segno di infezione.

Hai paura di toccare la ferita: Dopo un cesareo il medico potrà usare punti riassorbibili o graffette speciali, per chiudere la ferita. Un bendaggio la proteggierà per un paio di giorni, e i punti si dissolveranno dopo una settimana di norma, aktrimenti ti verranno rimosse le graffette dopo circa 5 giorni. Non fare sollevamenti tranne che quando tiri su il tuoi bimbo per le prime 4-6 settimane e non fare esercizi fino a 8-10 settimane dopo il parto per la stessa ragione. Una volta che la ferita inizia a rimarginarsi, puoi applicare delle creme o degli oli per ridurre il rossore. La vitamina E è utile per rimarginare le ferite in quanto sono prodotti a base di olio di jojoba o germe di grano.

Hai le emorroidi: Le emorroidi possono comparire durante la gravidanza o dopo il parto. Spingere il bambino può mettere sotto pressione le vene attorno all’ano facendole uscire. Appaiono come grumi attorno all’ano e potrebbero dare prurito. Se sanguinano, potresti notare del sangue rosso vivo sulla carta igienica o nel wc. Una sana dieta previene la stipsi, il nemico principale delle emorroidi. Mangia cibi ricchi di fibre come frutta , verdura, cereali integrali. Bevi due litri di liquidi ogni giorno per ammorbidire anche le feci, soprattutto se stai allattando al seno, perchè potresti essere disidratata. Creme topiche possono alleviare il dolore e il prurito e c0n una sana dieta senza stress, dovrebbero passare in un paio di settimane. Se dovessero però uscire fuori o si dovessero gonfiare fai una visita dal tuo medico.

Sembri ancora incinta: Ci vogliono circa sei settimane perchè l’utero ritorni alle dimensioni che aveva prima della gravidanza. Sentirai un pò di crampi allo stomaco e i dolori mestruali (nel caso in cui sia tornato il ciclo) in questo periodo potrebbero essere più intensi se allatti al seno. Ciò accade perchè l’ormone ossitocina che aiuta l’utero a contrarsi, viene rilasciato durante l’allattamento. I muscoli del tuo stomaco si saranno separati e allungati di almeno 4 cm durante la gravidanza, quindi per rotornare ad avere un ventre piatto ci vorrà del tempo. Allena i tuoi muscoli addominali lentamente, senza tentare di fare gli addominali tradizionali. Stressare i muscoli potrebbe essere più dannoso che benefico.

Sei sfinita: Le prime 24 ore dopo il parto sarai pervasa dall’adrenalina e dall’eccitamento ma una volta di ritorno a casa, sopraggiungerà la stanchezza. E’ ora di chiedere aiuto alla famiglia e agli amici per le faccende di casa in modo che tu possa avere il meritato riposo.

Continui a scoppiare in lacrime: Sentirsi giù dopo il parto è piuttosto comune e capita a quasi otto neomamme su dieci. Si crede che i sintomi siano collegati ai cambiamenti ormonali nel corpo. I livelli di estrogeno e progesterone calano, mentre la prolattina, che stimola la produzione di latte , aumenta. Questi cambiamenti possono farti piangere per i primi giorni dopo la nascita del tuo bambino, mentre ti stai avviando verso l’allattamento.Potresti anche arrabbiarti o innervosirti per fatti in apparenza insignificanti. Tutto questo è normale e dovresti iniziare a sentirti meglio dopo un paio di settimane. Se ti senti ancora giù dopo un mese, parlane con il tuo medico di famiglia, potrebbe essere il sintomo della depressione post parto. 

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!