Come superare il trauma da rientro vacanze

Rientro dalle vacanze senza stress
Rientro dalle vacanze senza stress

Ci ha fatto compagnia quasi tutto l’anno, per colpa dei ritmi serrati che normalmente teniamo un po’ tutti tra casa, lavoro, figli, palestra, impegni vari con parenti e amici.
Lo abbiamo messo da parte per un periodo più o meno lungo durante le vacanze estive, ma eccolo di nuovo. Le vacanze sono quasi agli sgoccioli e lui è pronto a darci il benvenuto non appena rientriamo a casa e abbiamo i bagagli ancora da disfare.
Ma di cosa stiamo parlando? Ovviamente dello stress!

Esistono dei segreti per combattere la sindrome da rientro o la post vacation blues, come lo definiscono negli USA e in Canada? Esistono eccome, vediamo insieme come affrontare il rientro dalle vacanze senza stress.

Il primo segreto è la gradualità, quindi guai a riempire l’agenda di una serie interminabile di appuntamenti, guai ai troppi buoni propositi stile Capodanno come dimagrire, smettere di fumare, andare in palestra tre volte a settimana e cose simili. Meditate sui momenti piacevoli e allegri trascorsi in vacanza, ritagliatevi alcuni momenti di silenzio solo per voi e respirate. Grazie alla meditazione abbasserete la tensione e conserverete il benessere della vacanza appena trascorsa.

Altro utilissimo rimedio per ridurre lo stress post rientro è sicuramente l’attività fisica, ma attenzione a rispettare sempre la gradualità sopra-citata e soprattutto il proprio fisico!
Molti di noi, durante le vacanze, avranno certamente fatto una nuotata, una passeggiata, o più in generale passato del tempo all’aria aperta. Approfittate ancora delle belle giornate di fine estate per passeggiare, andare al parco cercando di conservare la sana abitudine al movimento, un potente toccasana per corpo e spirito.

Affidatevi poi alla musica; accendete lo stereo a casa, in macchina mentre andate al lavoro o vi recate al supermercato, oppure indossate le cuffiette mentre siete al parco a passeggiare o correre. La musica migliora l’umore e ha un effetto positivo unico sulla psiche.

Anche i bambini vivono con un po’ di capricci il ritorno alla normalità quotidiana: la sveglia, la scuola, le attività pomeridiane. Anche per loro è bene ritornare a quelli che saranno i ritmi invernali piano piano, prima con la sveglia all’orario in cui normalmente ci si alza per andare a scuola e poi con i compiti pomeridiani o le varie attività, come lo sport o il parco.

Per alcuni di noi il rientro dalle vacanze è un vero e proprio trauma, ma seguendo un po’ quanto scritto sopra sarà molto più sereno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Articolo precedenteValle della Loira: il Giardino di Francia a un’ora da Parigi
Articolo successivoUeD ESCLUSIVA: KontroKultura intervista Valentina Dallari
M.Novella Fabbri, recanatese di nascita e civitavecchiese di adozione ed una Laurea in Scienze Politiche con Indirizzo Politico Internazionale. La passione che nutro da sempre per la pubblicità e la storia dei più famosi brand mi ha portato ad intraprendere la strada del marketing e della comunicazione. Passione che ho potuto perfezionare grazie alle importanti e lunghe esperienze avute all’interno di grandi aziende italiane. Prima fra tutte la Rainbow Spa, società di animazione, attualmente leader europea nella produzione e commercializzazione di cartoni animati e creatrice del fenomeno cartoon a livello mondiale “Winx Club”. Poi è stata la volta di affrontare il mondo dei sistemi di drenaggio lineare come Responsabile Marketing presso la Mufle Spa , dove ho avuto la possibilità di implementare e mettere in atto le migliori tecniche di marketing & comunicazione. Ho poi allargato la mia conoscenza del mercato collaborando con la Tiche Project Srl, primaria azienda di consulenza nel settore fashion. Grazie a queste importanti esperienze ed alla possibilità di confrontarmi con esperti di marketing provenienti dai più disparati settori e da diverse nazioni, oggi seguo le aziende che decidono di dedicare più tempo al marketing e se poi l’imprenditore ha idee di comunicazione bizzarre … beh … mi ci dedico ancora di più!