“WE ARE JUST BREATHING MACHINES       “Siamo soltanto machine che respirano

NO IDEAS, OR OPINIONS                                Nessuna idea, o opinione

           NO TASTES                                            nessun gusto (inclinazione)

NO KNOWLEDGE TO UNDERSTAND             nessuna conoscenza per capire

BREATHING MACHINES                                 machine che respirano

A WORLD OF BREATHING MACHINES         un mondo di macchine che respirano

NO MATTER WHO’S WRONG                         non importa chi ha torto

NO MATTER WHO’S RIGHT                             non importa chi ha ragione

‘CAUSE THERE’S NO                                        perchè non c’è

KNOWLEDGE TO                                            conoscenza per

UNDERSTAND”                                                 capire”

Stage of Reality
Stage of Reality

Il brano sopracitato è “The Breathing Machines”, title track dell’album della band romana alternative metal Stage of reality.

Questo gruppo è stato creato da Andrea Neri, chitarrista di Blaze Bayley ( ex cantante degli Iron Maiden), che è stato anche il compositore e chitarrista degli Astarte Syriaca (2003-2012).

In quel periodo Andrea Neri scriveva per il teatro e per la televisione, suonando con varie bands con cui spaziava dal pop al metal. Nel 2012 collabora con Blaze Bayley e registra con lui un LP, “The King Of Metal”, con conseguente tour durato tre mesi.

Nel 2013 Andrea Neri inizia a scrivere diversi brani, che in poco tempo divennero parti dell’album “The Breathing Machines”, primo lavoro del progetto musicale Stage of Reality.

Per il suo progetto ha scelto come collaboratori i seguenti musicisti: Francesco Marino (Dreamscape) alla voce, Alessandro Accardi alla batteria, Marco Polizzi (Astarte Syriaca) al basso, Bernardo Nardini alla chitarra acustica e cori e Francesco Visconti al sound design.

Che cosa è The Breathing Machine?

Già dalla lettura dei testi degli Stage of Reality notiamo una forte impronta sociale, il testo sopra citato è uno stralcio del brano The Breathing Machine (che è anche il nome dell’album), dove si nota la descrizione di un uomo (società) che ormai è al pari di un automa, che respira soltanto, che non ha una propria idea, un’opinione o che non ha una propria inclinazione.

L’album, The Breathing Machine, è stato ispirato da tre opere: l’articolo di Pier Paolo Pasolini sulla televisione nel 1973, scritto per il Corriere della Sera, “1984” e “La fattoria degli animali” di George Orwell.

La storia di questo concept album non ha un’ambientazione temporale precisa, si riferisce piuttosto ad una popolazione occidentale che ha avuto un forte impoverimento a livello culturale, ma allo stesso tempo il benessere economico è aumentato. Ci si ritrova con uomini e donne che non hanno più un’individualità, sono tutti uniformati gli uni agli altri, il pensiero critico è annullato, tutto ciò che passano i media è oro colato, tutto ciò che esce da tv o da internet deve esser vero e non vi è alcuna ragione per confutare perché non c’è abbastanza conoscenza per poterlo fare. Una casta detiene la Conoscenza e la trasmette in segreto alle generazioni elette, nascondendola ai cosiddetti Grigi: le persone comuni.

I Grigi hanno quindi bisogno di una nuova coscienza, di comunicare usando un nuovo linguaggio, di riuscire a sentire la mancanza di certi valori, sentimenti, pensieri che distinguono gli esseri umani da macchine che respirano.

 

Le sonorità in The Breathing Machine

In “The Breathing Machines” le cadenze hard rock delle strofe e i ritornelli melodici si fondono con riff heavy metal, gli arrangiamenti dei cori rimandano al rock anni ’70 così come gli assoli di chitarra ricchi di bending, il basso slap conferisce ai brani un sapore più moderno fra il funky e il new metal. L’album è uscito il 10 ottobre 2014.

Packaging

Il packaging di “The Breathing Machines” consiste in un cofanetto dvd. All’interno c’è il cd, il

booklet e una pen drive usb che contiene il videoclip, il teaser della band, i brani in mp3 e foto ad alta risoluzione.

 

Conclusione

Gli Stage of Reality hanno qualcosa da dire, e lo fanno nel modo che conoscono meglio. La società dovrebbe esser fatta di individualità, ognuna con il proprio pensiero e modo di essere, l’uniformità non dà né forza né potere, ma è la cosa più facile che si possa seguire. Pensare qualcosa che sia diverso da tutto il resto, remare contro alcuni concetti, comporta “fatica” e fermezza.

Credo che gli Stage of Reality incarnino il pensiero di molti, ma molto spesso è più facile dire “sì io la penso proprio come loro” piuttosto che far qualcosa per esser coerenti con le proprie idee.

“WHAT HAVE WE DONE MY FRIENDS?          “Cosa abbiamo fatto amico mio?

WE’RE JUST                                                           Noi siamo soltanto

SHADOWS FROM THE PAST                               ombre dal passato

THIS IS THE FUTURE WE CREATE                      questo è il futuro che noi creiamo

NO MEMORIES TO TRUST”                                 nessun ricordo a cui affidarsi”

 

(stralcio del brano Shadows from the past dell’album The Breathing Machine)

 

 

Little English summary

Stage of reality is an alternative metal band from Rome. The founder, Andrea Neri, played for Blaze Byley (ex Iron Maiden singer), he was a guitarist for Astarte Syriaca and he worked for theatre and for television.

In 2013 he started to wrote many songs that then became “The Breathing Machines”, Stage of Reality’s first album.

Reading Stage of Reality’s lyrics, we can see that there is a strong social imprint; this work was inspirated by a Pier Paolo Pasolini’s article about tv for a Newspaper, and two George Orwell’s works .

They have something to tell, and they do this in the best way they know: playing and singing.

So they deserve attention, because they epitomize the thought of many people, they talk about many problematics that people have to express their different way of thinking.

Barbara Andreini

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!