Chitarristi: DEMETRIO “DIMITRY” SCOPELLITI

DEMETRIO “DIMITRY” SCOPELLITI

PRODUTTORE E CHITARRISTA DEGLI ARCADIA E DEI BRIDGEVILLE, SESSION MAN E ARTISTA SOLISTA.
HA ALL’ATTIVO IL DVD “THE CODEX VIDEOS”, PUBBLICATO NEL NOVEMBRE 2013.

Uso la Peavey AT-200 da più di un anno, da quando avevo in programma il DVD “The Codex Videos”.
Siccome mi sarebbero servite cinque chitarre ho voluto provare la AT-200.
Ero scetticissimo e invece è stata una sorpresa positiva.
La prima volta che l’ho attaccata all’amplificatore mi sono trovato in una situazione “futuristica”.
Ero contento come un bambino, mi sembrava di giocare, ho sperimentato tantissime accordature.
Sono appassionato di metal estremo, la prima cosa che ho fatto è stata accordarla come una otto corde.
I miei brani vanno dall’accordatura standard in giù fino dal drop Ab, che per una sei corde è tanto.
Scrivo brani con un sacco di accordature diverse, prima della AT-200 ogni volta che andavo in tour mi dovevo
portare da 3 a 5 chitarre.
Ha fatto la sua parte nel tour con gli Arcadia perché ci siamo spostati in aereo e non avevamo spazio per tutte le chitarre che solitamente mi servono.
Riguardo la suonabilità, la tastiera è abbastanza scorrevole, adatta a un chitarrista rock/metal che ami smanettare.

È talmente pratica che alla fine non faccio altro che suonare questa.
Al di là delle varie accordature, è una chitarra che parecchie volte in studio ha salvato delle sessioni di registrazione. Per esempio, a ottobre ero in studio con i Bridgeville e avevamo quattro chitarre di un certo spessore e comunque
non riuscivamo a ottenere quella pasta di suono che avevamo bisogno e quella perfezione di accordatura necessaria con due chitarristi diversi per accordatura, suono e modo di suonare.
Alla fine abbiamo provato la AT-200 e ci ha salvato la sessione perché, nel momento in cui hai un’accordatura perfetta tra le due chitarre portanti in un brano rock, il risultato è decisamente superiore.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!