Il Ritorno degli W.A.S.P. in Italia

Finalmente quattro date italiane per gli W.A.S.P.

W.A.S.P.
W.A.S.P.

Il carismatico Blackie Lawless ed i suoi mitici W.A.S.P. sono in procinto di pubblicare il loro nuovo album e di tornare in Italia per ben 4 date.

Storici alfieri dell’heavy metal classico, nati nel lontano 1982 per volontà del già citato Blackie e del chitarrista Randy Piper, i ragazzacci di Los Angeles hanno da sempre colpito ed appassionato i fan grazie ai loro concerti carichi di energia e di provocazioni, sangue finto, allusioni sessuali, effetti speciali tra il grottesco e l’epico, e per il loro abbigliamento eccentrico ed elaborato, ispirato ad un altro grande del genere, Alice Cooper, che fu praticamente il primo a proporre performance di quel tipo.

Anche la controversa interpretazione del nome della band contribuì ad alimentarne il mito. L’acronimo W.a.s.p., infatti, se solitamente veniva inteso come “White Anglo-saxon Protestant” ( Protestante bianco anglosassone ), veniva sbandierato dai componenti del gruppo come “We are sexual perverts” ( Siamo dei maniaci sessuali ).

Insomma, la ricetta del successo era eseguita alla perfezione, abbinare heavy metal di indubbia qualità ( The last command, The headless children, The crimson idol sono album annoverati tra i classici del genere ) ad un look, a dichiarazioni e ad uno stile di vita che scandalizzavano e preoccupavano genitori, insegnanti, predicatori, e tutto il lato buono dell’umanità, ed esaltavano i ragazzi che si sentivano attratti dalla parte nera del gregge. Il titolo della nuova fatica discografica è altisonante, Golgotha; la data prescelta è quella del 2 ottobre e uscirà per l’etichetta austriaca Napalm Records, nome ben noto agli appassionati di black metal e folk metal, generi su cui la label ha costruito le sue fortune prima di allargare gli orizzonti anche verso sonorità meno estreme.

W.A.S.P. - New Album
W.A.S.P. – New Album

Golgotha è il quindicesimo album della band e arriva a distanza di ben sei anni dal suo predecessore, Babylon, segnando così il più ampio distacco temporale mai verificatosi tra due album in studio di Blackie e soci. Si tratta anche dell’ultimo disco degli W.a.s.p. con il batterista Mike Dupke, uscito dal gruppo poco tempo fa, dopo le registrazioni.

Per quanto riguarda invece i concerti previsti in Italia, le città prescelte sono Bologna, Roma, Pordenone e Trezzo sull’Adda, dal 3 al 6 novembre. La corposa visita al Belpaese si inserisce in un tour partito lo scorso 11 settembre da Londra e che andrà a concludersi esattamente due mesi dopo in quel di Mosca. ll tutto suggerisce due riflessioni dal retrogusto opposto: da una parte la solita distribuzione iniqua delle date, che penalizza i tanti appassionati del centro/sud Italia, sempre costretti a lunghe e costose trasferte, quando lavoro ed impegni permettono; dall’altra la presenza di ben quattro date nel nostro Paese, solitamente cenerentola d’Europa da questo punto di vista e spesso visitata per una sola notte; mentre in Germania, Olanda, Francia e perfino nell’Est continentale, i nomi delle band compaiono 5,6,7 volte nei cartelloni, coprendo l’intera area del Paese.

Barbara Andreini

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!