Gianluca Grignani ubriaco al concerto di Capodanno 2016? Ecco il VIDEO che ha fatto il giro del web!

Gianluca Grignani, ospite del Concerto di Capodanno 2016 con Gigi D’Alessio, è finito al centro delle polemiche per essere sembrato a molti ubriaco sul palco. Ecco il VIDEO che ha fatto discutere il web…

Gianluca Grignani ubriaco concerto capodanno video
Gianluca Grignani ubriaco al concerto di Capodanno? Il VIDEO!

Gianluca Grignani, ospite del Concerto di Capodanno 2016 con Gigi D’Alessio, è finito al centro delle polemiche per essere sembrato a molti ubriaco sul palco. Ecco il VIDEO che ha fatto discutere il web…

 

Le follie a Capodanno sono una regola. I concerti pure.

Eppure vedere le due cose insieme non è affatto usuale… almeno sul palco!

Non c’è dunque da stupirsi che, ad ormai quattro giorni dalla fine del 2015, un episodio accaduto durante il Concerto di Capodanno organizzato da Mediaset stia continuando a sollevare polemiche.

Al centro della bufera è finito Gianluca Grignani, cantautore “maledetto” la cui fama di “bello e dannato” non si è affievolita col passare degli anni e la comparsa di qualche capello bianco. Eppure, nonostante i mille gossip (non sempre lusinghieri) che hanno accompagnato la sua carriera, quello che il cantante ha messo in scena sul palco del Concerto di Capodanno 2016 è stato uno spettacolo che non si aspettava davvero nessuno.

Annunciato dal padrone di casa Gigi D’Alessio – con cui si è anche esibito – Gianluca Grignani è apparso fin da subito molto su di giri, tanto da far sospettare di essere sotto gli effetti dell’alcol. Sarà davvero così? Immediata è stata ovviamente la smentita da parte sia del cantante sia dell’amico e collega Gigi D’Alessio, che hanno rilasciato delle dichiarazioni pubbliche in merito.

Gianluca Grignani era dunque davvero ubriaco? Inutile dire che la risposta certa la conosce solo il diretto interessato. Se volete farvi un’opinione, ecco il video integrale dell’esibizione “incriminata”…


Gianluca Grignani ubriaco al concerto di… di superstarz_com

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!