Eccovi la piadina fatta in casa, risultato garantito

La piadina è una di quelle cose che una volta assaggiate non si dimenticano più!

La piadina romagnola è una vera bontà, alzi la mano chi non è andato in vacanza in Emilia Romagna e non si è fatto una scorta di piadine! Ce n’è per tutti gusti, la classica è quella con lo squaccherone, ma il bello è che la si può farcire come si vuole in base ai propri gusti, che ne dite con la porchetta e provola dolce? O se preferite con speck e brie o provola affumicata e prosciutto crudo o ancora con prosciutto, rucola e stracchino o alla tirolese con speck, pomodori a fettine sottili, stracchino e scamorza grattugiata e un pizzico di erba cipollina tritata… da provare anche con il prosciutto di Praga o dolce con la nutella! insomma andate al supermercato comprate quello che più vi ispira per farcire le vostre piadine e buon appetito, sognando la Romagna!

Ecco qui di seguito la ricetta per fare la piadina in casa, quelle comprate sono buone per carità, ma se seguite questa ricetta vedrete che risultato, volete mettere la soddisfazione di mangiare una piadina fatta con le vostre mani? E’ veramente semplice e veloce da fare, vi assicuro che il risultato è garantito, ma basta con le parole e passiamo subito ai fatti:

Ingredienti: 500 gr di farina; 70 gr di strutto; 1/2 bustina di lievito per torte salate; 1 cucchiaino di miele; 1 bicchiere scarso di latte; 2 cucchiaini di sale.

Procedimento:

Per prima cosa far sciogliere lo strutto; far intiepidire il latte e sciogliervi dentro 1 cucchiaino di miele. Mescolare la farina con il lievito e il sale, unire quindi lo strutto sciolto e cominciare ad amalgamare, unire poco alla volta il latte con il miele e lavorare bene l’impasto per una decina di minuti in modo da ottenere un impasto omogeneo ed elastico. Fate riposare l’impasto per un 15 minuti coperto da un canovaccio. Trascorso il tempo dividere il panetto in tante parti uguali, grandi più o meno una pallina da ping pong. Infarinare la vostra superficie di lavoro e stendete con il mattarello ogni porzione di pasta molto sottile. Mentre stendete ogni piadina mettete un po’ di farina anche sull’impasto in modo tale che non si appiccichi durante la lavorazione. Impilate le piadine una sull’altra separandole con della carta da cucina o con un tovagliolo e coprirle con uno strofinaccio (così non si attaccheranno l’una con l’altra e non si asciugheranno mentre aspettate di cuocerle).

Passate ora alla fase della cottura, se non avete il testo, va benissimo una padella antiaderente che farete prima scaldare senza ungerla, quando vi sembra sia ben calda mettete la prima piadina a cuocere punzecchiandola con la forchetta, basteranno due minuti per lato, toglierla dal fuoco e tenerla al caldo coprendola con un tovagliolo e proseguire con le altre, ora arriva il bello, farcitele con gli ingredienti che avete comprato al supermercato, piegatele in due e divoratele subito!

cottura piadina

Se per caso ne avanzate potete conservarle in un sacchetto di carta e riporle in frigorifero, si conservano per qualche giorno oppure se ne fate tante potete anche metterle nel freezer e scongelarle all’occorrenza, si conservano come appena fatte.

piadina con prosciutto crudo piadina con prosciutto cotto stracchino e rucola piadina con prosciutto cotto e lerdammer

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Articolo precedentePaul Reed Smith 513 Rosewood
Articolo successivoKorg Ampworks
Una ragioniera che ama poco la matematica, ma molto la scrittura! Amo leggere, viaggiare e cucinare. Sono volontaria per due associazioni, AIL e "Angelo Biondo" Onlus, e mi piace tutto ciò che riguarda il fai-da-te.