Come affrontare gli esami di maturità? Ecco alcuni consigli utili!

Otto consigli per affrontare serenamente gli esami di maturità.

Otto consigli per affrontare gli esami di maturità… senza perdere la testa!

  • Dormire bene

Chi dorme non piglia pesci? In questo caso è vero il contrario: 7-8 ore di sonno ogni notte aiutano la concentrazione e la memoria, migliorando sensibilmente il rendimento. Scegli un orario, in genere non dopo la mezzanotte, per andare a letto e cerca di rispettarlo. Evita le attività che potrebbero causare insonnia, come i videogiochi o stare al computer fino a tarda sera, e opta per un buon libro: la lettura ha effetti rilassanti e aiuta a prendere sonno. Il giorno dopo sarai molto più riposato e a mente fresca si studia meglio!

  • Fai una scaletta dei tuoi impegni

In vista degli esami di maturità, è bene essere organizzati e pianificare i propri impegni. Un buon suggerimento è quello di compilare una scaletta giornaliera delle cose da ripassare o studiare: in questo modo sarai certo di non dimenticare nulla di importante ed eviterai di ritrovarti, negli ultimi giorni, sommerso dal lavoro.

  • Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi!

La tentazione più forte, per ogni studente, è quella di posticipare i compiti più pesanti o sgradevoli, con il rischio di andare nel panico nelle ultime settimane. Rimandare – ricordalo bene! – non serve a nulla: prima o poi ti toccherà affrontare la questione. Tanto vale, quindi, essere determinati e diluire nel tempo gli impegni più gravosi, lasciando quelli più leggeri per gli ultimi giorni, quando lo stress e tensione saranno alle stelle!

  • Chiedi aiuto!

Affrontare tutto da soli, spesso, è un compito che va al di là delle proprie possibilità, e in alcuni casi l’aiuto di amici, fratelli e compagni di scuola non è sufficiente: se lo ritieni necessario, rivolgiti ad un insegnante privato, almeno per recuperare le lacune più grosse. Riconoscere i propri limiti è segno di maturità e saggezza!

  • Studia in gruppo

Se studiare da solo ti riesce difficile, perché non trovi la giusta concentrazione o finisci per annoiarti troppo presto, prova a studiare con un piccolo gruppo di persone. Non sempre gli amici sono i compagni di studio più adatti – anzi potreste peggiorare la situazione, ritrovandovi a «cazzeggiare» allegramente per pomeriggi interi! – quindi sta a te scegliere le persone più responsabili, da cui puoi anche imparare qualcosa.

  • Non farti prendere dal panico!

Ansia e stress sono pessimi consiglieri: preso dal terrore di non farcela, potresti tralasciare qualcosa di fondamentale. Cerca di liberare la mente e di rimanere rilassato – e concentrato! – fino alla fine, magari accompagnando i pomeriggi di studio ad attività piacevoli come coltivare un hobby, praticare sport o passeggiare con gli amici. Fare attività fisica, inoltre, aiuta a sciogliere le tensioni muscolari, dovute alla postura non sempre corretta davanti al computer o sui libri: un ottimo modo per scaricare lo stress!

  • Fai qualche rinuncia

Chiudersi in casa per intere settimane non aiuta certamente l’umore e la salute mentale. Qualche rinuncia, almeno nel periodo immediatamente precedente alle prove, va comunque fatta: riduci le uscite, cerca di mantenere un ritmo costante, e i tuoi sacrifici verranno ripagati. In fondo si tratta solo di qualche mese, dopo di che, con l’arrivo dell’estate, potrai tornare alla tua vita!

  • Aiuta il tuo corpo

I latini dicevano mens sana in corpore sano, che significa: se il tuo corpo sta bene, anche la tua mente sarà in grado di lavorare meglio. Come abbiamo già detto, il sonno è molto importante, ma anche l’alimentazione ha la sua rilevanza: evita cibi grassi e pesanti, che rallentano la digestione e provocano sonnolenza, e prediligi una dieta sana ed equilibrata a base di alimenti leggeri ma molto nutrienti. Qualche «schifezza» va anche bene – magari come «ricompensa» dopo un pomeriggio di studio intenso – ma eccedere con dolci e patatine potrebbe significare ritrovarsi, dopo gli esami, con parecchi kg in più da smaltire: fai attenzione!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!