Korg Oasys

Korg Oasys

OASYS è l’acronimo di Open Architecture SYnthesis Studio, dove “architettura aperta” significa che sarà possibile caricare ed espandere la potenza della workstation aggiungendo moduli software, creati per ora direttamente da Korg per garantire la massima compatibilità e stabilità del sistema, basato su Linux, con polifonia massima di 172 voci.
L’interfaccia uomo macchina è affidata a un display a colori sensibile al tocco da 10,4″, con controlli rotativi con ghiera illuminata, slider, joystick, rotelle e tastiera da 88 o 76 tasti.
Come esce dalla fabbrica, Oasys contiene tre moduli timbrici. HD-1 High Definition PCM Synth è un sample player da 616 MB di campioni ad altissima definizione, alcuni dei quali con quattro livelli di velocity e stereo, dove la wavetable contiene campioni non compressi, una vera rivoluzione nel campo delle workstation.
In aggiunta, ci saranno due espansioni ROM dedicate a batterie e pianoforti (quest’ultima da 511 MB) della serie EXs.
Tra le innovazioni troviamo che il singolo oscillatore è in grado di gestire un campione stereo, quattro livelli di velocity, con due filtri multimodo, due LFO con 18 forme d’onda con frequenza che sorpassa i 20 Hz entrando nel campo delle modulazioni audio, due inviluppi con  11 curve per ogni stadio, e due amplificatori.

Un ulteriore LFO e un inviluppo possono essere applicati come modulatori comuni al timbro.
La matrice di modulazione permette di gestire fino a 52 sorgenti di modulazione.
Le Combination arrivano ora a 16 Program in split e layer, combinando qualsiasi generatore timbrico, e sono immediatamente disponibili per il sequencer.
Fino a 33 parametri possono essere modificati per ogni Program in una Combination, senza alterare il Program originale.
Su Oasys si parla anche di Advanced Vector Synthesis, dove mixare fino a quattro gruppi di suoni nelle combination, registrando cinque posizioni vettoriali da sincronizzare o meno al clock MIDI, e di Wave Sequence che ci riportano ai fasti della Wavestation, con miglioramenti importanti nelle funzioni di sincronizzazione e durata delle modulazioni.
Due step-sequencer possono essere usati come modulatori in una Wave Sequence per controllare qualsiasi parametro di sintesi e, viceversa, è possibile usare altre fonti di modulazioni per controllare la Wave Sequence.
Il secondo generatore timbrico è un VA, chiamato AL-1, con polifonia a 84 note per 504 oscillatori totali.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!