Basta la parola Rolex per entrare nel mondo del lusso

Ci sono prodotti che sono diventati delle vere e proprie icone, al punto che il nome identifica un’intera categoria: è il caso della Ferrari per le auto di classe superiore, dei gioielli Cartier o degli orologi Rolex. Una storia lontana che non perde un grammo del suo fascino.

Capi di Stato, personalità del mondo dello sport, artisti, attori: è impossibile stilare un elenco di personaggi famosi che hanno scelto di indossare al polso un Rolex, sposando a pieno la filosofia e l’eccellenza del brand svizzero. Da Dwight Eisenhower a Winston Churchill (ma anche Fidel Castro e Che Guevara), da Paul Newman a Steve McQueen, da Michael Jordan a Roger Federer e Cristiano Ronaldo: bastano questi nomi per capire come e perché Rolex è diventato sinonimo di orologio di lusso. 

Una storia europea

Il primo nucleo della società è stato fondato nel 1905 a Londra dai tedeschi Hans Wilsdorf e Alfred Davis, che usarono i loro cognomi per la registrazione; Rolex, infatti, sarà utilizzato solo a partire dal 1908 (ufficializzato poi nel 1915) e, nonostante sia passato quasi un secolo esatto, ancora non se ne conosce il significato reale. Secondo alcuni, potrebbe essere una sintesi dell’espressione francese horologerie exquise, e quindi squisita orologeria, ma altre fonti parlano di riferimenti a due marchi di eccellenza come Rolls Royce (simbolo di lusso) e Timex. Di sicuro, quello scelto da Wilsdorf divenne subito un nome memorabile, pronunciabile in tutte le lingue e facile da ricordare, nonché pratico e non ingombrante per l’incisione sui quadranti. Il trasferimento in Svizzera è datato 1912, mentre nel 1925 fa la sua comparsa il simbolo della casa, la corona a 5 punte: da lì in poi è storia recente.

Modelli inconfondibili

In questo secolo di vita sono moltissimi i modelli prodotti dall’azienda ed entrati nell’immaginario collettivo come il Daytona, Submariner, GMT Master, Milgauss: per avere una panoramica su questi splendidi cronografi si può visitare il blog RecensioniOrologi.it (nella pagina dedicata agli orologi Rolex), portale specializzato nel settore, su cui trovare tante informazioni sugli orologi Rolex, dagli storici fino ai più attuali e ancora in commercio. Tutti hanno le loro caratteristiche uniche, che li rendono oggetti di culto anche per i collezionisti, ma soprattutto si distinguono per l’estrema cura e attenzione per i dettagli: innanzitutto, ogni pezzo viene realizzato a mano ancora oggi e, per questo, è necessario circa un anno di lavorazione; per questo motivo, la Rolex produce solo un milione di cronografi all’anno, così da garantire sempre il massimo livello di efficienza e qualità. Altra curiosità: tutti gli orologi subacquei della maison sono testati in speciali cabine pressurizzate, e la percentuale di fallimento della prova è inferiore a un caso su mille; d’altra parte, la società svizzera è stata anche la prima a creare un modello interamente impermeabile, che è stato trasportato addirittura nella Fossa delle Marianne e che ha continuato a funzionare correttamente.

Occhio ai falsi!

Il lato negativo della fama è data dalla diffusione di modelli contraffatti, ma per fortuna ci sono alcuni accorgimenti che possono risolvere il problema: per scoprire se si tratta di un Rolex originale, bisogna che risponda ad alcuni criteri inconfondibili. In primis, deve viaggiare insieme alla garanzia, in pelle, e al certificato COSC (per il meccanismo segnatempo); poi, deve riportare il numero seriale, ovviamente unico per ogni orologio, un ologramma al posteriore e avere incisa sul quadrante in vetro la corona, sulla posizione delle ore 6 (ma vale solo per i modelli successivi al 2002).

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!