Spectrasonics Stylus RMX

Spectrasonics Stylus RMX

Spectrasonics rappresenta un caso esemplare di come la tecnologia software permetta a compagnie brillanti di sviluppare prodotti di successo e al tempo stesso di elevata qualità anche senza un big-name come Roland o Yamaha.
La prima trilogia di strumenti software californiani ha di fatto affermato sul mercato il concetto di plugin basato sul campionamento di qualità.
Ora Spectrasonics, forte di un grosso successo di vendite, torna con un team di sviluppatori interni (prima l’engine era di provenienza francese, engine di Ultimate Sound Bank) e mette mano al primogenito Stylus.
Stylus RMX, a parte una similitudine grafica e la comprensione della library dello Stylus originale (ora chiamata Classic), è uno strumento totalmente nuovo e definirlo semplicemente come fratello maggiore sarebbe veramente riduttivo.
RMX si basa sulla tecnologia SAGE, acronimo di Spectrasonics Advanged Groove Engine, che permette al noto Groove Control un deciso passo avanti in quanto a possibilità applicative.
Stylus RMX è un plugin che gira su applicazioni compatibili VST, Audio Units e RTAS su Mac OS X e VST su Windows.
L’upgrade dalla versione Classic si acquista direttamente sul sito www.spectrasonics.com per 99 dollari e gli utenti registrati che hanno acquistato Stylus Classic dopo l’annuncio di RMX hanno diritto all’aggiornamento gratuito.

La libreria in dotazione raggiunge ora i 7,4 GigaByte e si concentra ancora su elementi percussivi stilisticamente coerenti con quelli di Stylus Classic; RMX è ora multi-timbrico su otto parti/canali Midi, è dotato di otto coppie stereo di uscite separate, di un modulo effetti interno, la funzionalità Drag&Drop per i Midifile dei groove, di una gestione file integrata e di diverse pagine di editing per trarne il massimo profitto musicale.
L’installazione procede senza traumi dai due dvd (il lettore dvd è tra i requisiti di sistema) e una volta effettuata l’autorizzazione/registrazione si possono scaricare gli aggiornamenti del caso.
Ogni singola istanza di Stylus RMX può essere impostata nella pagina Mixer in modalità Multi o Kit; la prima consente di caricare su ogni slot/canale un groove in maniera simile a quanto si faceva con Stylus Classic, mentre, nella seconda, RMX diventa un modulo di suoni percussivi campionati pronti per essere suonati e mixati.
La finestra Browser si apre in ogni pagina dove si trova l’icona tipica della cartella.
Questa finestra riflette la modalità attivata (Kit o Multi) e mostra di conseguenza solo i “preset” adatti; nella sezione a sinistra si seleziona la sezione (i groove Classic hanno una categoria dedicata, per fortuna) e nel pannello di sinistra troviamo i singoli groove o tipi di suoni singoli, mentre nel pannello a destra vengono visualizzati i singoli file.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!