Bellezza e depilazione: come prevenire e affrontare il problema dei peli incarniti

Peli incarniti, come prevenirli

Depilarsi è diventata una necessità sia per gli uomini che per le donne; i peli superflui, ovunque essi crescano, sono diventati un problema. Per le donne la peluria è bandita da ogni centimetro quadrato del proprio corpo, partendo dalle sopracciglia fino ai baffetti, la pancia, le braccia, le gambe e l’inguine, ogni zona del corpo subisce una depilazione continua.

Oggi i peli sono considerati anti-estetici e fastidiosi e il problema non tocca solo il corpo femminile; anche gli uomini, infatti, oggi ricorrono sempre più spesso alla depilazione totale. Il problema delle continue depilazioni è però il fatto che possano causare peli incarniti, che sono fastidiosi e ancora più anti-estetici del pelo stesso. I peli incarniti sono il risultato di tante depilazioni effettuate nel modo sbagliato e la causa principale della loro comparsa è l’utilizzo del rasoio.

Depilarsi col rasoio, infatti, non comporta l’estirpazione del pelo fin dalla radice, bensì un taglio. Questo tipo di depilazione lascia il bulbo al suo interno, il quale continua a spingere il pelo in fuori per farlo crescere; questo, spesso irritato dal passaggio impietoso della lametta, non riesce a fuoriuscire e cresce sotto la pelle, dando vita così al fatidico pelo incarnito.

Gli uomini sono vittime dei peli incarniti soprattutto sul viso, a causa dell’uso quotidiano e continuo del rasoio da barba. Per loro può sembrare impossibile evitare questo problema, ma con un’attenta rasatura, senza rischiare di andare contro pelo e utilizzando una lama di buona qualità, si può sensibilmente ridurre.

Le donne sono esposte alla formazione di peli incarniti proprio quando decidono di optare per la depilazione con rasoio, strumento inefficace per una depilazione corretta e duratura. Esse preferiscono l’utilizzo del rasoio soprattutto sulle zone più delicate come inguine e ascelle; a causa però dello sfregamento con l’intimo dopo la depilazione, soprattutto sull’inguine possono formarsi diversi peli incarniti che possono creare veri e propri bulbi sotto pelle terribilmente anti-estetici. 

Fra le soluzioni proposte da www.donnafemminile.it per il problema dei peli incarniti, ci sono l’utilizzo di un guanto di crine e di un bagnoschiuma per lo scrub; proprio quest’ultimo, che solitamente si utilizza per eliminare le cellule morte, può essere un valido alleato per eliminare la pellicina che copre i peli incarniti per poi poterli eliminare definitivamente estirpandoli con una pinzetta.

La soluzione migliore contro la formazione di peli incarniti è sicuramente l’epilazione tramite ceretta, soprattutto per le zone intime. La ceretta a caldo è la migliore in assoluto in quanto grazie al calore riesce ad aprire i bulbi e ad agevolare la fuoriuscita del pelo; tuttavia può essere fatta solo se avete una mano esperta. In alternativa esiste la ceretta cosiddetta a freddo, le classiche strisce depilatorie che si trovano in vendita ovunque.

Per chi non ama la ceretta e non riesce a sopportare il dolore, è possibile utilizzare alternative come la crema depilatoria o un epilatore elettrico; tuttavia anche questi metodi alternativi sono conosciuti per causare la formazione dei peli incarniti e nel caso voleste utilizzarli, quindi, è sempre consigliato uno scrub con guanto di crine sotto la doccia, che limiterà molto il problema.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!