Truman, il film sugli animali che ha sconvolto la Spagna

Truman, il film incentrato sul tema degli animali e in particolare dei cani, ha letteralmente sconvolto ed emozionato la Spagna grazie al suo messaggio

truman film cani animali spagna

Truman, il film incentrato sul tema degli animali e in particolare dei cani, ha letteralmente sconvolto ed emozionato la Spagna grazie al suo messaggio

E’ riuscito a conquistare i paesi di lingua spagnola come l’Argentina prima e la Spagna poi, la pellicola incentrata sulla tematica degli animali. Truman è un film di Cech Gay, che ha letteralmente spopolato tra il pubblico iberico, conquistando i principali premi cinematografici, come i Goya.

Truman è riuscito a ottenerne ben cinque: miglior film, miglior regista a Cesc Gay, miglior attore protagonista a Ricardo Darín, miglior attore non protagonista a Javier Cámara, e migliore sceneggiatura originale a Tomás Aragay. Ironia e malinconia sono gli aggettivi attribuiti a questa pellicola dalla critica, in quanto è riuscita con simpatia ed emozionando a stanare alcuni luoghi comuni radicati nel pubblico sui film che trattano la tematica degli animali.

Truman è la pellicola che prende il nome direttamente dal protagonista, un bellissimo esemplare di Bullmastif, cane affettuoso, taciturno, fedelissimo e inseparabile dal suo padrone, Julián, un affascinante attore argentino, che si è trasferito da molti anni a Madrid. Dopo aver ricevuto la visita inaspettata di Tomás, un suo caro amico residente adesso in Canada, Juliàn inizia a vivere una situazione difficile da controllare, mitigata, però, dalla presenza dei suoi due migliori amici.

Truman, dopo aver conquistato l’Argentina e la Spagna, arriva finalmente in Italia, modificando completamente la visione classica del film incentrato sugli animali. Grazie a Cesc Gay, infatti, viene ridotta completamente la tipica melassa che vede l’uomo protagonista della scena, e il suo cane, invece, pretesto per generare emozioni trite e ritrite. Questo film parla di malattia, di rassegnazione e di speranza, senza scadere nel patetico e mantenendosi sempre in equilibrio tra il dramma e la commedia.

Il cast, seppur costituito da soli due attori protagonisti, riesce a tenere alto il livello recitativo e sentimentale: hanno letteralmente conquistato il pubblico spagnolo Javier Càmara, interprete di Tomàs (indimenticabile in pellicole come “Parla con lei” di Pedro Almodovar e attualmente co-protagonista assieme a Jude Law di “The young Pope” di Paolo Sorrentino), e Ricardo Darìn, interprete, invece, di Juliàn (noto anche per la sua partecipazione in film come “Il segreto dei suoi occhi” e “Storie pazzesche”).

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!