Vegan e bambini: allarme dei pediatri

veganesimo bambini

Lo stile di vita vegano diventa giorno dopo giorno sempre più di moda, anche tra i più piccoli. In molti, infatti, decidono di rifiutare totalmente qualsiasi cibo di origine animale, come carne e pesce, ma anche uova e latte. In Italia è stato stimato che una persona su dieci segue il veganesimo.

Coloro che adottano tale modello, spesso, sono persone spinte da apprezzabili motivazioni etiche, ma numerosi casi riguardano anche genitori che sperano in uno stile di vita più sano per se stessi e per i propri figli. Tuttavia, proprio in questi giorni, una nutrita cerchia di pediatri italiani ha posto l’attenzione sul veganesimo infantile.

“Non mi era capitato in 41 anni di carriera. Nell’ultimo anno ho visto tre casi: tre lattanti ricoverati da noi per carenza di Vitamina B12”. Così parla il direttore Alessandro Ventura, della sezione pediatrica all’ospedale Burlo Garofalo di Trieste.

Il principale pericolo di eliminare carne e pesce dalla dieta dei più piccoli riguarda, infatti, la carenza della Vitamina B12, sostanza meno famosa della Vitamina C ma ugualmente fondamentale per la crescita del bambino. I sintomi, indotti da una grave e perpetuata carenza di questa vitamina, inducono nei bambini varie forme di debolezza fisica e psicologica. Già nel 2005 un bambino di soli 10 mesi, allattato al seno da madre vegana, fu oggetto di studio da parte dei medici Daniela Codazzi e Martin Langer. “Nessuno all’inizio si era accorto di quanto grave fosse il bambino. Respirava male, aveva movimenti involontari e muscoli senza tono. Il cervello mostrava segni di atrofia diffusa. Tre anni più tardi, nonostante il ritorno a una dieta adeguata e la riabilitazione, c’erano ancora segni di ritardo psicomotorio”.

Il problema, in molti di questi casi, risulta essere l’alimentazione home made, ovvero quella fai-da-te. Secondo l’Accademia Americana di Nutrizione e quella di Pediatria, il veganesimo, così come il vegetarianesimo, è un’alimentazione sicura in tutte le fasi della vita dell’uomo, ma solo se ben pianificata da un esperto.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!