Parma, la Petite Capitale, in due giorni

Appassionati del buon cibo? Vi piacciono i musei? Siete amanti della bella vita? Avete due giorni liberi e volete trascorrerli fuori porta? Se avete risposto si a tutte le domande allora la vostra meta ideale è Parma!

Innanzitutto qualche curiosità su Parma, detta anche la “piccola capitale” da quando è stata la capitale del Ducato di Maria Luigia D’Austria, seconda moglie di Napoleone; fu proprio lei a far nascere il profumo Violetta di Parma, infatti incaricò e sostenne i frati del Convento dell’Annunciata a studiare e quindi ottenere dalle foglie e dai petali della violetta una magnifica essenza; proprio per questo le prime boccette del famoso profumo Violette di Parma, furono destinate all’uso personale della Duchessa. La Violetta odorosa è diventata uno dei simboli della città. Parma è anche detta la Capitale della Musica, come non nominare Giuseppe Verdi e le sue splendide opere o il grande Arturo Toscanini, celebre direttore d’orchestra dei primi del ‘900; Parma è anche pittura, uno su tutti il Parmigianino, ma è anche cultura con Bernardo Bertolucci e Carlo Lucarelli.

Partiamo ora con il nostro tour di Parma, se arrivate in città in treno, il centro lo potete raggiungere a piedi in una decina di minuti; se invece optate per la macchina allora in centro i parcheggi non mancano, ma logicamente sono a pagamento. A Parma tutto è bello, decidere da dove cominciare il nostro percorso è perciò molto semplice, qualunque punto di partenza scegliamo, non sbagliamo.

Piazza Duomo con la sua magnifica Cattedrale, il Palazzo Vescovile e il Battistero creano un borgo medioevale di bellezza straordinaria.

duomo_di_parmaduomo_di_parma

a pochi passi da qui incontrerete il Palazzo della Pilotta all’interno del quale potrete bearvi della bellezza del Teatro Farnese, teatro in legno fra i più conosciuti e apprezzati in Europa; soffermatevi ad ammirare la Chiesa della Steccata in stile rinascimentale. Se siete amanti della pittura non perdetevi una visita alla Galleria Nazionale, una delle più celebri pinacoteche italiane, qui potrete ammirare tra gli  altri i capolavori di Leonardo, Correggio, Tiepolo e soffermarvi davanti ad uno dei simboli di Parma, la “Schiava Turca” del Parmigianino.  Ormai deveessere giunta l’ora della pausa e allora dirigetevi verso Piazza Garibaldi, qui troverete il bellissimo Parco Ducale, ideale per il relax; passeggiando nel parco fermatevi sul Ponte di Mezzo che collega le due parti di Parma e ammirate il paesaggio, vi sembrerà di essere in un libro di favole. Dopo la pausa relax, non può mancare lo shopping, dirigetevi perciò in centro e troverete tutto quello che fa per voi, immergetevi tra shopping modaiolo ed enogastronomico, non rimarrete delusi! A proposito di enogastronomia, non potete perdere la storica salumeria “Specialità di Parma”. Per la cena non avrete che l’imbarazzo della scelta, chiudete gli occhi e scegliete una delle tane trattorie che incontrate lungo la vostra passeggiata, ordinate sicuri un antipasto misto di salumi, un risottino alla parmigiana e si avete ancora posto non perdetevi gli ottimi secondi tipici parmensi, come ad esempio la Rosa di Parma o la trippa. Il vostro secondo giorno di viaggio lo potrete dedicare alle bellezze vicine a Parma; per i romantici tappa obbligatoria è  Colorno, il paese della Reggia, monumentale edificio che ospita 400 sale attorniate da un giardino lungo ben 3 chilometri.

ColornoColorno

Altra tappa da non perdere è il Borgo medioevale di Calestano, a 30 km circa dal centro di Parma, vi immergerete nel silenzio, passeggerete in romantici vicoli ammirando panorami unici. Se invece al romanticismo preferite la golosità non perdete un tour alla ricerca dei prodotti tipici di questa splendida città, dal Prosciutto di Parma al Culatello, dal Parmigiano alla Spongata, un ottimo dolce ripieno di miele, noci e canditi. Insomma Parma è per tutti! Per qualsiasi informazione o per organizzare il vostro week end a Parma visitate il sito http://turismo.comune.parma.it/it e…Buon viaggio!

prosciutto-Parma

https://plus.google.com/115243138388439281757?rel=author”>Fabiana Spagnolo</a>

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!