Ecco i super stipendi Rai che fanno indignare!

Dopo la polemica per il cachet festivaliero di Carlo Conti, ecco gli stipendi dei volti noti della Rai. E non mancano le sorprese

Stipendi d'oro in rai

E’ ancora fresca nella memoria dei telespettatori la polemica per il cachet percepito da Carlo Conti per la conduzione del Festival di Sanremo. Al conduttore toscano sono stati erogati compensi per 650.000 euro per la conduzione della kermesse canora. Appena resa pubblica la notizia, si sono scatenate le polemiche contro il conduttore e contro i vertici Rai. Le polemiche si sono smorzate nel momento in cui Conti ha reso pubblico di aver devoluto 100.000 euro ai terremotati. Un atto di grande cuore e generosità.

Stipendi record in Rai, non solo Carlo Conti

La RAI spende sicuramente tanto per Carlo Conti, ma i risultati in termini di audience e di ritorno pubblicitario sono ottimi. Lo share delle cinque puntate del festival ha sempre sfiorato, e a volte superato, il 50%. Lo stesso non si può dire di altre superstar della tv di stato, a cui vengono garantiti stipendi da capogiro a fronte di risultati modesti, talvolta davvero deludenti. Eccovi alcuni esempi.

Contratti milionari per Flavio Insinna e Antonella Clerici

Tanto ad Antonella Clerici quanto a Flavio Insinna la Rai garantisce uno stipendio annuale ben superiore al milione annuo. 3 milioni lordi l’anno per la Clerici, le cui ultime performance alla prova del cuoco sono davvero deludenti, con ascolti in forte calo. Situazione simile per Insinna: circa un milione e mezzo lordo l’anno a fronte di un programma, Affari tuoi, in costante calo, tanto da avviarsi verso la chiusura definitiva.

Stipendi lauti anche per il trittico di giornalisti Annunziata-Vespa-Santoro

Lucia Annunziata si porta a casa 460.000 euro l’annno. Il suo programma domenicale, In mezz’ora, consiste in una intervista all’ospite politico di turno. Ebbene, un format simile e altrettanto semplice va in onda su SkyTg24 con la conduzione di Maria Latella. Il costo del format Rai è sostanzialmente doppio rispetto a quello di Sky. Con tanto di stuolo di autori da pagare. Dal canto suo Bruno Vespa si porta a casa il contratto forse più ricco, pari a 1 milione e ottocentomila euro l’anno. Poi ci sono gli extra. Già, perché per ogni puntata di Porta a Porta il conduttore percepisce dei bonus. 30.000 euro aggiuntivi per una prima serata speciale e 11.700 per una seconda serata. Che dire poi di Michele Santoro? Il suo nuovo programma “Italia” non ha superato il 4% di share. A fronte di circa tre milioni di euro garantiti alla sua società di produzione. La quale si occupa, a dire il vero, anche del programma di Bianca Berlinguer.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!