The Hottest Swimsuit 2017, Giulia Latini e Valentina Vignali nella bufera

É bastata la prima mini puntata di The Hottest Swimsuit 2017 sul web su Mtv per scatenare le polemiche: secondo le fans, Andrea Damante verrebbe preso in giro da Giulia e Valentina ma loro si difendono

C’era grande attesa per la prima puntata di The Hottest Swimsuit 2017, il contest che è anche un po’ reality in onda sul sito di MTV e vede impegnati molti amatissimi protagonisti delle ultime stagioni di Uomini e Donne. E fin dalla prima puntata si sono scatenate le polemiche nei confronti dell’ex corteggiatrice Giulia Latini e della cestista Valentina Vignali che secondo alcuni fans di Andrea Damante avrebbero preso in giro l’ex tronista.

In realtà questo è lo spirito del programma che accanto alle sfilate di costumi, tutti in gara per essere votati dal pubblico, prevede anche alcuni momenti di goliardia e vita comune come fosse un reality. Proprio durante uno di questi le due ragazze stavano scherzando sulle doti canore di Andrea Damante, ma tutto era finito lì. Ora che il filmato è stato trasmesso e ha scatenato la bufera, loro si sono difese così sul web. Giulia Latini è stufa di invidia e cattiveria nei suoi confronti: “Se le altre persone sono felici posso solo che essere contenta per loro, perché la mia vita mi piace così com’è e non cambierei nulla”. Stesso tono per Valentina Vignali che ha confermato di voler bene sia ad Andrea che a Giulia raccontando che stavano solo ridendo per i video girati a Gallipoli mentre Damante stava facendo il suo.

Ma cosa prevede The Hottest Swimsuit 2017? Otto puntate brevi, tutte sul web, partite il 19 giugno che servono alle aziende per presentare le loro linee di costumi da uomo e donna, indossati da volti noti al pubblico di Uomini e Donne. Oltre ad Andrea, Giulia e Valentina ci sono anche Clarissa Marchese e Federico Gregucci, Manuel Vallicella, Mattia Marciano, Mario Serpa e Claudio Sona, Giulia Latini, Sophia Galazzo e Simone Cipolloni oltre a Stefano Laudoni che è il compagno della Vignali.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!