Belen Rodriguez si difende, ma è polemica sul ‘peperoncino’

La showgirl chiarisce l’atterraggio d’emergenza, ma il  cachet al ‘Peperoncino Festival’ scatena la bufera

Di questi tempo la Calabria non porta davvero bene a Belen Rodriguez. Appena il tempo di chiarire, con la sua versione dei fatti, la clamorosa news di gossip rivelata nelle ultime ore sulla decisione del pilota che ha scaricato la showgirl e il suo compagno Andrea Iannone all’aeroporto di Lamezia per una sigaretta di troppo accesa a bordo e l’argentina è finita di nuovo nella bufera per un ingaggio mostruoso che riceverà al ‘Peperoncino Festival‘ di Diamante.

Ma andiamo con ordine. Belen, intervistata dal ‘Corriere della Sera’, ha raccontato cosa è successo la settimana scorda a bordo dell’aereo che stava trasportando lei e il fidanzato da Ibiza a Mykonos. Effettivamente stava fumando una sigaretta elettronica quando si sono accese tutte le spie di emergenza e il pilota non ha più voluto comunicare con loro, nonostante Iannone gli bussasse alla cabina per avere spiegazioni. Hanno capito che l’aereo stava scendendo di quota per atterrare, ma non sapevano dove e hanno anche pensato ad un rapimento. Una volta sbarcati a Lamezia Terme, la coppia è stata accompagnata dalla Polizia che ha constatato come a bordo non ci fossero sigarette tradizionali, ma solo quella elettronica. La Rodriguez ribadisce che l’hanno anche scritto sui verbali e quindi l’accusa del pilota non ha senso, per questo presenterà denuncia.

Intanto però è polemica sul suo cachet per la 25esima edizione del ‘Peperoncino Festival’ di Diamante, sempre in Calabria dal 6 al 10 settembre. Il Codacons ha reso pubblica la fattura, pari a 60mila euro per pochi minuti di presenza e si chiede se sia il caso di buttare così dei soldi pubblici, perché arrivano dalla Regione. Subito è arrivata la risposta del governatore calabrese, Mario Oliverio: “La Regione non ha dato contributi specifici per finanziare la partecipazione di showgirl al Festival del Peperoncino”. E l’Accademia del Peperoncino, che gestisce il Festival, specifica che si tratta di 30mila euro, due terzi dei quali a carico della Regione. Ma questa volta in realtà Belen c’entra relativamente, perché se le sue tariffe sono quelle…

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!