Rosy Abate – La Serie, finale da record e anticipazioni seconda stagione

Anche nell’ultima puntata la fiction con Giulia Michelini trionfa. La seconda stagione di Rosy Abate ci sarà

Fabio Fazio ci ha provato in tutti i modi facendo sbarcare nei suoi studi anche Bono e The Edge, metà degli U2, ma non c’è stato nulla da fare. Anche la puntata finale di Rosy Abate – La Serie ha battuto alla grande Che Tempo Che Fa su Rai 1: i dati parlando di 5.291.000 telespettatori, pari ad uno share del 20,90% per la fiction di Canale 5, mentre lo show della Rai è stato seguito da 3.978.000 telespettatori (share 14,55%).

La conferma definitiva che la buona fiction e le storie nuove, anche se con legami profondi con il passato, possono ancora fare ascolti. Nell’ultima puntata di Rosy Abate – La serie i colpi di scena sono stati ancora una volta tantissimi. La mafiosa interpretata da Giulia Michelini infatti si è fatta prendere dalla passione baciando per la prima volta Luca mentre stavano andando a caccia del boss Nuzzo Santagata nascosto insieme alla figlia Regina e al piccolo Leonardino. Ma il vero colpo per Rosy è stato scoprire che in realtà Nuzzo è il suo padre naturale, come gli ha confidato lui stesso: per questo aveva fatto finta di uccidere Leonardino, per proteggerlo dagli altri mafiosi e dalla polizia. Non un lieto fine, perché Regina cercando di uccidere Rosy, ammazza il padre messosi in mezzo per proteggerla. Nulla però rispetto al gran finale: il figlio di Rosy non le crede, ma di fronte alle parole di Regina capisce tutto e le spara prima che arrivino gli agenti per arrestare la Abate e portarlo in una casa famiglia.

Un epilogo nell’ultima puntata di Rosy Abate – La Serie che lascia aperte le porte ad una seconda stagione come hanno sempre sperato i fans. E in effetti il produttore Pietro Valsecchi qualche tempo fa ha confermato che sta già scrivendo la sceneggiatura per il secondo capitolo che potrebbe riservare nuove sorprese. Sarà la stagione per rivedere in scena anche Marco Bocci e il suo Domenico Calcaterra?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!