Registrare la voce – I microfoni

Shure Beta58

Quando parliamo di ripresa vocale bisogna considerare il corretto utilizzo degli strumenti necessari a tale scopo, rispettando alcuni semplici accorgimenti.
Con questo primo post analizziamo l’utilizzo dei microfoni.

Scegliere un microfono, per chi ha scarso budget è un grosso limite.
In tale situazione, considerate l’acquisto del microfono dinamico come lo Shure SM57; è un acquisto del quale non vi pentirete, visto il molteplice utilizzo, in cui può essere impiegato.
Per chi è agli inizi può andar più che bene.

I dinamici sono microfoni molto robusti, ma per le riprese vocali sono da preferire quelli a condensatore a membrana larga; in quanto restiuiscono un miglior dettaglio.
Tuttavia esistono microfoni dinamici in grado di offrire ottime prestazioni ma sono molto costosi.

Per un acquisto con budget limitato, considerate la serie NT di Rode, la serie KSM di Shure , i prodotti AudioTechnica, o l’AKG SolidTube.
Per quanto riguarda il settore professionale sono da considerare: Neumann e AKG ma non solo.

Il microfono è spesso l’anello debole di tutto il sistema di registrazione.
Quindi è necessario acquistare un buon microfono e rendere il meno squilibrato possibile il suo apporto al suono finale.
Quando acquistate un microfono, optate per quelli adibiti specificatamente all’uso vocale.
Di solito hanno una risposta in frequenza enfatizzata, per rendere più presente il canto.

Se ne avete la possibilità, testate i microfoni che intendete acquistare, registrando delle take e acoltando il risulato attraverso dei monitor; non utilizzate le cuffie, il suono risulterebbe falsato!

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!