Droga all’Isola dei famosi: Francesco Monte rischia rischia 12 anni di carcere? Ecco perché

L’ex tronista Francesco Monte rischierebbe il carcere se la storia della droga sull’Isola dei Famosi venisse confermata. I video saranno determinanti per scoprire la verità

È da giorni che si parla della droga sull’isola dei famosi. Il caso, scoppiato lunedì scorso, sta continuando a far parlare web e televisione. Ognuno dice la sua sulla vicenda e c’è chi si schiera dalla parte di Francesco Monte e chi, invece, falla parte di Eva Henger.

Proprio in queste ore, Mediaset sta decidendo quale provvedimento prendere nei confronti dell’ex tronista se la storia risultasse veritiera. L’attrice l’ha accusato di aver portato la droga in Honduras e di aver consumato marijuana in compagnia anche di altri naufraghi.

Anche la reazione di Francesco Monte ha fatto molto discutere. Il 29enne, infatti, ha intenzione di proseguire la polemica con la Henger in tribunale. Bisognerà passare al settaccio ogni video registrato nella Villa per appurare che si tratti di un’accusa fondata. Scatteranno seri provvedimenti contro Francesco se verranno alla luce dei video.

Intanto il Moige ha fatto sapere di aver presentato una denuncia ufficiale all’ambasciata Honduregna che si trova a Roma e quindi anche l‘Associazione che difende i diritti dei genitori. C’è la volontà di scoprire la verità e se Francesco ha sbagliato, dovrà pagare anche fuori dai giochi.

Con una denuncia simile, da parte del Moige, Francesco rischia grosso. I fan dell’ex tronista temono che ci possano essere serie ripercussioni contro Francesco. Lì la legge è molto severa e dura nei confronti di chi viene trovato in possesso di droga e in generale in possesso di sostanze stupefacenti. In Honduras, infatti, con un’accusa simile si può rischiare anche di finire in carcere per un massimo di 12 anni.

Un verdetto probabilmente troppo esagerato, ma che rende inquieti i fan di Francesco. Monte finirà quindi in carcere in Honduras? Incrociamo le dita e speriamo che l’ex tronista esca fuori dalla vicenda senza troppi danni.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!