“È notte, la tua auto non la lavo”: dopo questa frase il cliente uccide il dipendente a pugni

È bastata una semplice frase per accendere la rabbia di un cliente. L’omicida voleva che un dipendente di un autolavaggio lavasse la sua auto di notte. Il rifiuto gli è costato la vita

I clienti non hanno proprio sempre ragione, e questo è uno dei casi che lo dimostra: un uomo voleva l’auto pulita e così la porta all’autolavaggio. Sembra una storia che sembra normale, ma che finisce però in tragedia. Il cliente, infatti, porta la sua auto in un autolavaggio in un orario non consono per questo tipo di mansioni.

Era praticamente notte, l’autolavaggio era chiuso. L’assurda richiesta è finita poi per diventare una tragedia: il cliente ha aggredito e ucciso con un pugno uno dei dipendenti dell’impianto.

La “colpa” del dipendente è stata quella di essersi rifiutato di pulire la sua auto in piena notte. La tragedia è avvenuta a Stupino, vicino a Mosca. Al momento, gli inquirenti che si stanno occupando del caso, hanno arrestato un uomo di 24 anni con l’accusa di omicidio. Il dipendente ammazzato aveva solo 39enne.

La sua vita è stata stroncata, come testimoniato dalle telecamere di sicurezza dell’autolavaggio, da forte un pugno in testa sferratogli dal cliente adirato. Le indagini proseguiranno per chiarire l’esatta dinamica degli eventi e soprattutto per capire cosa abbia potuto provocare da parte del cliente una reazione così violenta.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!