Taranto, poliziotta accoltellata al petto: si salva grazie al cellulare nel taschino

È stato un vero e proprio miracolo quello accaduto ad una poliziotta di Taranto: la donna è stata accoltellata al petto, ma si è salvata grazie al telefono nel taschino

È stata colpita al petto con un coltello, la poliziotta, ma si è salvata grazie al cellulare che aveva riposto nel taschino superiore della giacca, quello all’altezza del cuore. L’agente è stata colpita da un 50enne senza fissa dimora. L’uomo è stato arrestato per adesso con l’accusa di tentato omicidio. Gli agenti della Polizia ferroviaria accorsi immediatamente sul luogo della colluttazione per bloccare l’uomo.

L’ex pugile di origine bulgare si chiama Ivan Iliev. L’uomo ha colpito a morte la poliziotta salvatasi solo ad un fortuito caso: quello di aver riposto il cellulare nel taschino della giubba d’ordinanza. Senza quel telefonino i fendenti del coltello a serramanico che l’uomo aveva sferrato contro il suo petto, avrebbe colpito il cuore dell’agente provocandone la morte. Con un passato da pugile dilettante, sicuramente non avrebbe avuto difficoltà a penetrare col coltello più a fondo.

L’aggressione è avvenuta intorno alle 15 di martedì 20 febbraio, in piazza Libertà, a pochi passi dalla stazione ferroviaria del capoluogo ionico. La poliziotta era lì, insieme con un collega, ed è intervenuta in una lite nei pressi della fermata dei bus. L’agente è stata attirata dalle urla di alcuni viaggiatori che aspettavano l’arrivo dei mezzi pubblici e che sarebbero stati aggrediti in precedenza dal 50enne.

Almeno è questo quanto riferito dal compartimento della Polfer di Puglia, Basilicata e Molise. Quando il 50enne ha visto gli agenti, l’uomo è fuggito verso la stazione, dove ha danneggiato alcuni arredi. Mentre stava per essere bloccato ha tirato fuori il suo coltello, ed è riuscito a mettere a mettere a segno almeno tre fendenti all’altezza del torace della poliziotta. Grazie al cellulare della poliziotta, si è evitata una terribile tragedia.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!