Si scopre vittima di una truffa: donna anziana si toglie la vita

Sono spesso gli anziani le vittime ideali dei truffatori. Le conseguenze di una truffa possono essere terribili, come quelle toccate a questa anziana signora

Un’anziana donna si è tolta la vita, quando ha saputo di essere stata vittima di una truffa. Pensava di aver vinto un’ingente soma di denaro, ma in realtà ha perso tutto ciò che aveva. Questa è la tragica storia di Marjory Earl Jones è un’anziana donna di 82 anni di Houston, Texas.

La donna ha pensato al suicidio, quando ha scoperto di aver perso tutti i risparmi di una truffa ben architettata. La donna era stata contatta via mail dai malviventi che le avevano parlato di una vincita enorme.

Per ottenere questa fantomatica somma, la donna avrebbe però dovuto pagare una serie di tasse. Una tassa dopo l’altra, sul conto finiscono per restarle solo 69 dollari. La donna ha immediatamente denunciato la situazione al dipartimento di giustizia quando ha scoperto che si trattava di una truffa, praticamente lo scorso giovedì. In qualche modo, l’anziana donna sperava di poter recuperare quantomeno i suoi risparmi.

A raccontare la triste vicenda l’ABC7 che ha raccolto anche alcune importanti testimonianze, tra cui quella della nipote della donna, Angels Stancik. La donna racconta con le lacrime agli occhi:

“Mi addolora dirlo, ma si è tolta la vita a causa di quanto accaduto. Queste ‘persone’ hanno fatto leva sul suo buon cuore, e, quelli che avrebbero dovuto essere i suoi anni migliori, quelli dell’ultimo capitolo della sua vita, glieli hanno portati via. É stata derubata in tutti in sensi”.

Angels ha provato a chiarire le dinamiche della truffa: dalla sua testimonianza, si apprende che Marjory ha avuto una mail nella quale le era stato detto di aver vinto molti soldi. Nel testo però era specificato che c’erano una serie di tasse da pagare prima di poterli visualizzare sul conto.

Piano piano, il conto dela donna è stato letteralmente prosciugato. Il procuratore generale Jeff Sessions che ha seguito in prima persona il caso, ha rivelato che casi come questi purtroppo sono sempre più frequenti.

Circa 200 persone sono finite in carcere, nel corso degli ultimi anni, per truffe ai danni di diverse persone per un totale di 100milioni di dollari. FTC (Federal Trade Commission), al momento, ha avviato un’inchiesta per smascherare i furfanti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Susy Caruso: