Avete letto cosa ha scritto Giulia De Lellis sui social? L’ennesima figuraccia

giulia de lellis

Al Gf Vip si è distinta per la sua cultura traballante e ancora una volta torna a far parlare di sè per la sua pseudo cultura. Ecco cosa ha scritto sui social scatenando l’ilarità generale

Con il Grande Fratello Vip abbiamo imparato a conoscerla bene Giulia De Lellis. Lei sa come fare cultura con il sorriso. Nella casa più spiata di Italia, la bella influencer ha dato prova della sua poca dimestichezza con la geografia (e non solo), rispondendo in maniera errata a quesiti di cultura generale piuttosto semplici.

A volte, le sparava da sole, le sue incredibile perle di saggezza, senza che nessuno le ponesse alcun tipo di domanda. Basta ricordare il fatto che per Giulia, “la capitale dell’Africa è l’Egitto”, per avere chiaro il suo livello in geografia.

Anche se ormai l’esperienza al reality è finita da un pezzo e Giulia è sempre più indaffarata- oltre le telecamere- con il suo Andrea Damante, l’influencer non smette mai di regalare ai fan le sue perle esilaranti. Una delle ultime è quella relativa all’America. I Damellis sono volati romanticamente negli Stati Uniti.

Ovviamente, non hanno mai smesso di aggiornare i fan, ne lei con le sue mille fotine e nemmeno lui che negli ultimi tempi sta cercando di sfondare anche come attore (con una piccola parte in Don Matteo sembra essere sulla buona strada).

Tra la miriade di aggiornamenti, non potevano mancare le Stories su Instagram. E’ proprio in una di queste che Giulia attira di nuovo su di sè le critiche del web. La De Lellis afferma, infatti, per giustificare la comparsa di brufoletti sulla sua pelle, rivela:

“Sto mangiando tante schifezze in America, città in cui è impossibile mangiare sano”

Se l’Africa ha una capitale, l’America è una città: non fa una piega! Il web ovviamente ha subito colto la palla al balzo per criticarla e prenderla in giro, persino con meme creati a sua immagine. Insomma, Giulia dovrebbe fare un bel ripassino di Geografia prima di scrivere un altro post!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!