Cade uno specchio mentre prova le scarpe in un negozio: muore bimba di 2 anni

Una vera fatalità quella che è accaduta a questa bambina di 2 anni: stava provando un paio di scarpe in negozio quando le è caduto addosso uno specchio che l’ha uccisa

I genitori della bimba di due anni, che è morta per via di uno specchio che l’è caduto addosso mentre misurava un paio di scarpe in un negozio, sono ancora sotto shock. Doveva essere un giorno normale, di spiensieratezza ed è diventato una tragedia. L’incidente fatale è avvenuto negli USA, nello specifico a Riverdale, in Georgia.

Non sono ancora noti i dettagli dell’accaduto drammatico. Le forze dell’ordine stanno provando a capire come sia potuto accadere tutto. Ifrah, a piccola vittima, era insieme alla madre in un negozio di scarpe quando in un giro di pochi secondi è avvenuta l’incredibile fatalità. Pare, da una prima e incerta ricostruzione, che la piccolina era impegnata a misurare un paio di scarpette quando uno specchio alle sue spalle si sarebbe infranto cadendole addosso. Lo specchio si è frantumato in mille pezzi cadendo addosso al piccolo corpo della creatura. La piccola è morta nell’impatto.

I soccorsi sono stati tempestivi. Ovviamente, l’accaduto ha provocato il panico generale. La situazione è apparsa subito drammatica. Ifrah è stata subito portata al Southern Regional Medical Center dove i medici, nonostante i diversi tentativi di rianimazione, hanno solo potuto constatare la sua morte. I genitori della piccola sono sconvolti: intanto sulla vicenda è stata ovviamente aperta un’inchiesta. Pare che lo specchio in questione fosse uno specchio a muro.

Alcuni testimoni hanno raccontato che si sono accorti subito della tragedia per via del fracasso provocato dallo specchio e le urla di una donna. Una donna lì presente ha raccontato:

“Da mamma -non ti immagineresti di uscire di casa con tua figlia e farci ritorno senza di lei”.

Il papà della piccolina, Moshin Siddique, ha invece dichiarato: “Sono morto con lei”.
Una tragedia che non si riesce a spiegare.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!