Giletti commenta la morte di Frizzi: “Era molto più importante di me”

Il presentatore di La7 si unisce al coro dei colleghi e spende, intervistato all’uscita dell’ospedale dov’era ricoverato l’amico Frizzi, delle belle parole per il collega

Fabrizio Frizzi era un presentatore molto amato e lo dimostrano anche i commenti e i messaggi che arrivano a pioggia da ogni dove. Il presentatore si è distinto negli anni per essere una persona umile ma anche molto professionale. Con i suoi modi gentili, la sua educazione, ha saputo conquistare l’affetto del pubblico italiano che ha seguito sempre i suoi programmi. Aveva 60 anni Fabrizio, era giovane. Eppure, dopo quel maledetto 23 ottobre dello scorso anno, giorno in cui ebbe un malore, la sua vita non è stata più la stessa.

Quando ritornò in Tv, gli italiani si rassicurano ma evidentemente, Fabrizio era ancora in pericolo. Aveva spesso detto di combattere la battaglia contro la malattia che lo aveva sconvolto ma nessuno si aspettava di vederlo crollare da un momento all’altro. Vederlo sorridente e lucido a l’Eredità rassicurava, adesso fare a meno di lui e della sua faccia amica, sarà difficile.

Tantissimi i colleghi e gli amici che lo hanno ricordato e salutato per l’ultima volta. tra i nomi più celebri, quello di Barbara D’Urso, Pippo Baudo, ma anche quello di Massimo Giletti.

Il conduttore di “Non è l’arena” su La7, ha speso delle belle parole per lui, intervistato proprio all’uscita dell’ospedale Sant’Andrea di Roma, dove Fabrizio era ricoverato fino a qualche ora fa. Ecco cosa dice di lui:

“Era molto più importante di me”

Delle parole cariche di stima che vanne ovviamente inquadrate nel quadro che Giletti fa di Frizzi, raccontando un episodio del passato molto significativo:

“Quando ho condotto Telethon la prima volta, lui era molto più importante di me. Arrivò per la foto di rito con tutti i personaggi che stavano in televisione, tutti stavano davanti e lui che era più importante fece tre passi indietro. Io lo presi e lo portai davanti.”

Un’umiltà che difficilmente si incontra in chi fa un lavoro come il suo. Giletti ha poi dovuto interrompere l’intervista, la commozione ha preso il sopravvento. Ecco il video di Leggo.

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!