Dalla Chiesa ricorda Frizzi ad Amici: “Io lo chiamavo ufficiale gentiluomo. Era una mosca bianca in Tv”

Il ricordo di Fabrizio Frizzi commuove gli Amici di Maria De Filippi: Rita Della Chiesa ha voluto raccontare aneddoti sul passato con l’ex marito

Rita Dalla Chiesa, l’ex moglie di Fabrizio Frizzi, ha voluto ricordare il suo ex marito ad Amici, da Maria De Filippi. La conduttrice ha voluto ricordare con piccoli e carini aneddoti sulla vita del suo ex marito la grandezza di Frizzi. Per la prima volta dalla morte di Fabrizio, Rita rompe il silenzio. Lo ha già fatto sui social pubblicando un articolo scritto dal fratello Nando. Ecco cosa ha raccontato ai giovani talenti dell’accademia più famosa di Italia:

“Fabrizio ha cominciato che aveva 17 anni e lo ha fatto in una radio privata. Rompeva le scatole a tutti perché voleva inserirsi. Ha sempre avuto questa grande passione per la musica e per lo spettacolo. Lui però è stato una mosca bianca nel panorama dello spettacolo, io l’ho sempre chiamato ufficiale gentiluomo”.

Poi Rita spiega il motivo del suo soprannome dalle venature nostalgiche e romantiche:

“.. In primis per la correttezza e il rispetto per gli altri. Lui ha sempre vissuto con umiltà anche i momenti di caduta. Non ho mai sentito parlar male di un collega. Lui voleva bene, ma davvero bene, a tutti. E poi gentiluomo perché i sentimenti valgono nella vita. Per questo vi dico, non abbiate mai paura di essere buoni: aiutarvi è il segreto per avere successo nella vita”.

Non deve essere stato facile per lei apparire in tv dopo un evento così tragico che l’ha segnata profondamente. È ancora troppo presto per la moglie di Fabrizio, Carlotta fare lo stesso. Adesso la Mantovan dovrà trovare la forza di reagire e di guardare avanti come sicuramente avrebbe voluto Fabrizio, un uomo altruista oltre ogni misura.

Maria De Filippi ha voluto aprire così la puntata più importante di sempre, quella ovvero in cui i ragazzi sapranno chi accederà al serale e chi invece, purtroppo, sarà costretto a tornare a casa.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!