Guai grossi per Claudio D’Alessio, figlio di Gigi dopo aver pesantemente aggredito e minacciato la Colf

claudio d'alessio

Claudio D’Alessio, figlio del cantante Gigi, si trova in grossi guai dopo aver aggredito e minacciato la colf. Reinviato a giudizio, i pm non si fermano sino a quando giustizia non sarà fatta.

Claudio D’Alessio è l’amato figlio del cantante Gigi, sempre sui giornali di gossip sia per le sue frequentazioni amorose che per il suo modo affascinante di attirare l’attenzione dei media.

Questa volta però si trova in grossi guai con la giustizia e non sarà di certo l’addominale scolpito ed il sorriso a fargliela passare liscia.

Per capire bene l’accaduto, dobbiamo andare indietro sino al 5 luglio 2014: in quel periodo Claudio D’Alessio era fidanzato con Nicole Minetti – ex consigliera regionale della Lombardia – quando una notte i due fidanzati hanno iniziato a fare molto baccano tanto da svegliare la collaboratrice domestica, una donna di origine ucraina di 51 anni.

La stessa chiede ai giovani di fare meno rumore ed il figlio del cantautore reagisce in malo modo, aggredendola e minacciandola pesantemente sino a metterla alla porta in pigiama e pantofole. La donna si reca quindi al pronto soccorso dove i medici riscontrarono un forte stato d’ansia e alcune contusioni su tutto il corpo.

La collaboratrice domestica denuncia quindi il fatto alla Polizia, sottolineando di essere anche senza contratto ed essere stata sempre pagata in nero. Il pm Mario Dovinola chiede quindi che D’Alessio venga processato.

Oggi dopo una serie di indagini, il caso è stato rinviato a giudizio in attesa di processo per definire la condanna nei confronti del figlio di Gigi D’Alessio.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!