Nadia Toffa: “Selfie con mia madre? Vi spiegò perché ero senza parrucca”

Nadia Toffa
Nadia Toffa spiega il motivo del selfie con la mamma senza parrucca

La conduttrice de le Iene ha voluto spiegare il motivo del selfie con la mamma senza parrucca. Il motivo che l’ha spinta a fare quella foto ha commosso il web

Nadia Toffa sta combattendo con le unghie e con i denti contro la malattia che ha scoperto di avere non molti mesi fa. Ieri, alle Iene, si è mostrata in splendida forma e con il suo solito rassicurante sorriso.

L’ultima foto pubblicata sui social aveva fatto preoccupare i fan. La bella Iene, poche ore fa, ha pubblicato uno scatto con la mamma, un selfie, in cui lei appare senza parrucca e con un turbante azzurro.

La giornalista, dopo la solita calorosa presentazione dei suoi colleghi, ha voluto spiegare il motivo della foto, che ha ricordato Nicola Savino.

Le parole della Toffa

Nadia, con la solita ironia con la contraddistingue, ha giustificato il suo scatto dicendo che a Milano, in questi giorni fa molto caldo, troppo per indossare una parrucca comodamente! Ancora una volta Nadia ha mostrato il suo coraggio nel combattere contro la malattia che l’affligge.

È vero che il clima è cambiato nel Nord Italia e Nadia l’ha usata un po’ come scusa per evitare la parrucca. I colleghi però le hanno fatto tanti complimenti. La bella Iena, nonostante le cure, infatti, appare bella come sempre, “radiosa”.

La reazione del pubblico

Il pubblico in studio non ha potuto che reagire con un sonoro applauso alle parole della giornalista. La Toffa si è visibilmente emozionata, ancora le fa strano avvertire tanta preoccupazione e tanto calore da parte del pubblico.

Una vicinanza, anche sui social, che sicuramente le infonde sicurezza e speranza. Questa volta Nadia è riuscita a sopportare le pesanti cure e ci auguriamo di vederla anche domenica prossima. La chemioterapia le ha fatto perdere i capelli, ma non il sorriso e la voglia di vivere e questo Nadia lo dimostra sempre, conducendo con amore il programma che le ha dato la notorietà.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!