Grande Fratello: Aida sbattuta su un muro, diretta oscurata

grande fratello

Non si placano le tensioni all’interno della casa del Grande Fratello 2018.

Ad essere nel mirino di quasi tutti gli inquilini è la donna spagnola Aida Nizar. il clima non è dei migliori e lo spettacolo che ne esce sta mettendo in serie difficoltà la produzione del reality che dovrà prendere provvedimenti sull’accaduto.

Nelle ultime ore si è visto il peggio: bestemmie, atti di bullismo e feroci litigi. (continua dopo la foto)

Aida Nizar
Aida bullizzata nella notte nella casa del Grande Fratello 2018

Grande Fratello: è caos

A dare grande risalto a questo spettacolo indecoroso è stata la sfuriata di Baye Dame nei confronti di Aida. Il suo linguaggio e il suo modo di fare hanno Indignato tutti i telespettatori e il pubblico del web è insorto. “Ti attacco al muro, ti sfondo” è solo una delle frasi shock che il concorrente di colore ha rivolto alla Nizar.

Infatti le ultime notizie che arrivano dalla casa più spiata d’Italia parlano di atti di bullismo avvenuti nella notte dopo le 2:00, quando le telecamere vengono spente dalla produzione.
Ancora non è chiara l’entità e la gravità dell’accaduto ma si è sicuri che sia stato un episodio umiliante nei confronti di Aida Nizar.

Simone Coccia preoccupato

Simone Coccia nel confessionale ha dichiarato: “Quello che è successo ieri notte, quando hanno portato Aida all’angolo là e te all’anagolo la, la gente a casa si ribella, iniziano a contestare”.

La notizia è rimbalzata sui social ed ha creato un caso che sta alimentando discussioni con il passare delle ore.

Solo il fatto che il concorrente si stia preoccupando di quello che potrebbe pensare la gente rende chiara la gravità dei fatti avvenuti nella notte.
E’ notizia di ieri la presa di posizione da parte della produzione del Grande Fratello 2018 verso questi comportamenti scellerati. E’ è stata proprio Barbara D’Urso durante la diretta di Pomeriggio 5 a confermare che saranno presi seri provvedimenti contro i responsabili di questa situazione.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!