Nadia Toffa e il diabete: “Tutti possiamo ammalarci”

nadia toffa
Nadia Toffa

Purtroppo la giornalista delle Iene ha affrontato un tema che riguarda tutti gli italiani: il diabete, una malattia facile da contrarre e praticamente incurabile. Spesso sono i medici a sottovalutarla o a non curarla per bene

Nadia Toffa, ieri in diretta alle Iene Show, ha fatto un bellissimo servizio che mostra però una realtà molto brutta: una malattia come il diabete, molto diffusa, è purtroppo ancora troppo sottovalutata.

A sottovalutarla sono gli stessi medici, talvolta. Per dimostrarlo, la iena è andata a “farsi visitare” da 8 diabetologi per vedere quanti siano responsabili abbastanza da consigliare di correre subito ai ripari quando non si può ancora parlare di diabete vero e proprio.

Le cattive abitudini di vita

La stessa Nadia esorta, prima del lancio del servizio, a prendersi cura del proprio corpo e della propria salute. Come? In primis conducendo una vita sana: mangiando in modo equilibrato e sano, ma anche facendo molta attività fisica. Questi, in genere, sono i consigli che danno i medici. Ma non tutti sono così responsabili a quanto pare. Nadia ha dimostrato che molto spesso, ai consigli sul cambiamento dello stile di vita, i medici preferisco agire per altre vie.

I medici che trattano il diabete solo con i farmaci

La Iena dimostra che spesso i medici, per abbassare subito i livelli di glicemia ricorrono a farmaci che comunque possono avere degli effetti collaterali. Nadia Toffa chiede il parere di un esperto, il professore Alessandro Laviano, nutrizionista clinico dell’Università La Sapienza di Roma. Il professore ritiene che l’utilizzo dei farmaci può essere largamente evitato, semplicemente indirizzando il paziente verso uno stile di vita più sano.

Sul sito de Le Iene potrete trovare il servizio completo che vi metterà sicuramente in guardia contro i rischi di sottovalutare una malattia come il diabete più comune di quanto pensiamo. Prevenire è meglio che curare, anche nel caso del diabete!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!