Il Tarzan senza mutande: Alberto Mezzetti, raggiunto il punto più basso del Grande Fratello

Difficile pensare che il pubblico non abbia riso o non si sia imbarazzato nel guardare questa scena di Alberto Mezzetti.

Il concorrente, soprannominato il Tarzan di Viterbo, ha dato spettacolo.
Nella casa del Grande Fratello 2018 ha deciso, senza preoccuparsi minimamente delle telecamere, di togliersi le mutande in presenza degli altri concorrenti.
Difficile ricordare episodi simili all’interno della casa più spiata dagli italiani.
Ovviamente gli operatori alla regia, non si sono fatti scappare questa scena imbarazzante indugiando sul lato B di Alberto Mezzetti incuranti del pubblico da casa.

Fa specie, per chi ha visto in real time, la naturalezza dimostrata da parte del Tarzan di Viterbo, durante questo spettacolo di dubbio gusto. Gli inquilini della casa sono rimasti a guardare attoniti cercando di far finta di niente. (Continua dopo la foto)

Notizie su Alberto Mezzetti

Alberto Mezzetti è nato nel 1984 a Viterbo. Ex modello, si reputa un uomo irresistibile alle donne e deve il soprannome di Tarzan alla sua bionda chioma indomabile.

Nel reality del Grande Fratello di quest’anno, ha avuto il merito di essere il primo a difendere senza mezze misure Aida Nizar dalle continue aggressioni di quello che è stato definito un branco di bulli.

Che cosa è cambiato

Dopo l’ultima diretta e le parole di Barbara D’Urso rivolte ad Aida Nizar, il suo atteggiamento però è cambiato notevolmente.

In questo momento ha detto di essersi ricreduto sul conto della donna spagnola e di reputarla una persona cattiva incapace di relazionarsi con gli altri. Ricordiamo che meno di due settimane fa, al suo ingresso, aveva dichiarato di vederla come una persona molto interessante e con la quale si può parlare.

L’espulsione di Baye Dame ha creato scompiglio e risentimento. Alberto ha deciso quindi di cavalcare l’onda e di schierarsi al fianco dei concorrenti che non vedono di buon occhio la presenza di Aida Nizar all’interno della casa.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!