La nave affonda, si salvi chi può! Barbara D’Urso nei guai, si chiude il GF?

Barbara D'Urso

In queste ore all’interno del programma Grande Fratello 2018 condotto da Barbara D’Urso, è in atto un fuggi fuggi generale.

In seguito ai comportamenti più che discutibili degli inquilini della casa, molti degli sponsor più importanti del reality hanno fatto marcia indietro decidendo di prendere le distanze da questo spettacolo indecoroso.

I primi sponsor se ne vanno

Già ieri la nota casa di cosmetici Bellaoggi​ aveva rinunciato alla partnership con la Endemol mettendo in seria difficoltà gli autori del programma. Passate solo poche ore è stata la volta tel salumificio Salumi Beretta che, in un comunicato, condannava il reality e si dissociava dal messaggio che i concorrenti avevano trasmesso ai telespettatori. Come uno tsunami oggi è arrivato un altro comunicato da parte di uno degli sponsor più importanti del Grande Fratello. Stiamo parlando di Aran Cucine.

La dichiarazione contro il Grande fratello

Sul web la dichiarazione dell’azienda rende noto a tutti che il nome Aran Cucine non deve essere associato a questi atti di violenza gratuita a cui si è assistito fino ad oggi. Lascia comunque uno spiraglio per il dialogo. La produzione del reality ha ancora qualche giorno per raddrizzare il comportamento degli inquilini. Un ultimatum è stato diramato ai concorrenti: o si cambia o si chiude. (Continua dopo la foto)


Il cambio di passo doveva esserci subito dopo l’uscita di Aida Nizar, additata come la vera disturbatrice della casa. La verità è un’altra. A quanto pare il branco ha bisogno di un capro espiatorio per poter proseguire l’avventura all’interno della casa più spiata degli italiani.

La scelta è ricaduta su Mariana Falace, colpevole secondo il gruppo di essere una persona falsa e calcolatrice. Immediate infatti sono state le discussioni, anche accese, tra la modella, Luigi Favoloso e Lucia Bramieri. Vedremo ora le decisioni riguardo le difficoltà e la riduzione drastica del budget che prenderà Barbara D’Urso.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!