Gli sponsor contro il bullo: il Grande Fratello lo sbatte fuori subito?

Barbara D'Urso
Barbara D'Urso

E’ ormai panico all’interno dalla casa del Grande Fratello. In poco più di 2 giorni i ragazzi si sono visti portar via gran parte dell’arredamento e dei prodotti di consumo giornaliero a cui erano ormai abituati.

Tutto questo si deve alla rescissione dei contratti da parte di alcuni degli sponsor del reality causato dalla cattiva pubblicità che i concorrenti stanno producendo con il loro comportamento sconsiderato. L’accostamento di un brand a questi personaggi sembrerebbe quindi deleterio per le aziende che si sono accaparrate il diritto di pubblicità nel programma.

La lista delle aziende che sono fuggite dal Grande Fratello

Su Trashitaliano.it, sono stati individuati tutti i nomi dell’azienda che, fino a questo momento, hanno deciso di ritirare il loro prodotti dalla casa del Grande Fratello: Nintendo, Acqua Santa Croce, Screen e F**k e Bellaoggi.

Molti dei superstiti si sono al momento tutelati ed hanno preso le distanze dal programma con dei comunicati, minacciando di andarsene se il comportamento dei concorrenti resterà questo. Stiamo parlando di Aran Cucine, Steel Pan, Givova, Steel PanSalumi Beretta e Delta Salotti.

Il sacrificio per placare l’ira degli sponsor

Una delle soluzioni a cui sta pensando la Endemol è proprio quella di mettere su un piatto d’argento la testa di uno dei concorrenti. Alcune voci infatti parlano di una eventualità, neanche tanto remota, di squalificare Luigi Favoloso e placare così i partner commerciali in rivolta. (Continua dopo la foto)

luigi-favoloso
Luigi Favoloso all’interno della casa del Grande Fratello 2018

L’imprenditore napoletano è stato, seppur in negativo, uno dei protagonisti di questa edizione del Grande Fratello. La scelta ricadrebbe su di lui a causa delle continue litigate con i concorrenti e dei ripetuti eccessi all’interno del reality.

Difficile dire come andrà a finire e se si renderà davvero necessario questo sacrificio. Tutto quello che possiamo fare è aspettare qualche giorno e vedere quali contromisure verranno prese dalla produzione e dalla conduttrice del programma Barbara D’Urso.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!