Revisione auto: cambia tutto, ecco cosa fare e i rischi che si corrono

revisione
Revisione auto

Questa domenica, esattamente il 20 maggio, entrerà in vigore la Direttiva Europea creata nel 2014 per rendere uguali, all’interno della UE, i controlli e la revisione delle auto.
Molte le novità a cui dovremmo abituarci tra le quali il temibile certificato di revisione dove verranno riportati tutti i risultati dei controlli effettuati compreso quello del contachilometri.
il decreto ministeriale 214/2017 rende quindi operativa la direttiva anche per l’Italia.

Cosa cambia con il certificato di revisione

Tra 4 giorni quindi avremmo un foglio in più che accompagnerà la vita dalla nostra autovettura: il certificato di revisione. Questo creerà un inasprimento dei controlli e li renderà molto più severi rispetto a quelli attualmente in vigore.

Non ci sarà più distinzione tra le vetture all’interno degli Stati membri e questo documento sarà identico in tutta la comunità europea. Il tecnico specializzato, autorizzato dalla Motorizzazione Civile, dovrà stilare un resoconto dettagliato sui controlli effettuati e dare, alla fine del lavoro, una valutazione sulle reali condizioni del veicolo. (Continua dopo la foto)

revisione
Revisione 2018 cambia tutto. Entra in vigore il certificato di revisione

Direttiva Europea anti truffa

La normativa dovrebbe limitare molto le truffe a cui spesso andiamo incontro. Risulterà molto difficile nascondere il reale grado di usura dell’automobile e soprattutto taroccare il contachilometri. Ricordiamo che rimane assolutamente invariata la scadenza delle revisioni: si parla di 4 anni per le auto nuove e, dopo il primo intervento, la tempistica si riduce a 2 anni.

Tutte queste novità impongono una formazione mirata per tutti gli addetti ai controlli. Nel caso qualche officina non recepisse i nuovi standard, la motorizzazione civile revocare immediatamente le autorizzazioni alle revisioni.

Per gli automobilisti resta da fare molta attenzione a non saltare le revisioni. Le multe sono salatissime e vanno dai 168 ai €674. In caso di recidiva, il salasso verrà raddoppiato. Ancora non ci sono notizie sul costo degli interventi. Non resta quindi che allinearsi alle nuove regole e custodire gelosamente il certificato di revisione.

Facebook Comments