“Usi il cancro per farti pubblicità”: l’accusa shock contro Nadia Toffa

Nadia Toffa tumore
Nada Toffa

Nadia Toffa adesso è sotto accusa. Non sono pochi gli utenti che hanno criticato il suo modo di parlare e di trattare la malattia

Nadia Toffa è ancora in cura e lotta contro il cancro che ha scoperto di avere lo scorso anno, con tutte le sue forza. Non ha mai negato la malattia, anzi ha voluto che tutti sapessero per dare speranze e coraggio a chi come lei lotta contro un male che è difficile- ma non impossibile- sconfiggere.

Nadia Toffa e il post sul web

Nadia Toffa ha sempre cercato di non nascondere la sua malattia. Non voleva che ne parlassero i giornali per questo è stata lei stesse a raccontare tutta la verità sin dal primo momento. Qualcuno però non ha potuto fare a meno di notare come parlando del suo tumore abbia in qualche modo aumentato la sua popolarità. Ricordiamo, infatti, che il suo nome è stato per un periodo quello più cliccato sul web.

Tantissimi i messaggi di sostegno, ricevuti soprattutto su Instagram. Sono le foto, con piccole didascalie, piogge di commenti per sostenerla, baci e vicinanza di chi conoscere di lei solo il nome e quel poco che si è potuto apprendere a Le Iene.

Nadia Toffa e la critica feroce

Ovviamente, non sono mancare nemmeno le critiche. Chi si espone come lei, può aspettarsi l’altro questo risvolto della medaglia. C’è infatti chi non apprezza il suo modo di parlare del suo tumore e di “banalizzarlo”, rendendo il tutto una “cosa semplice”.

Probabilmente la leggerezza di Nadia ha lo scopo di non rendere il tutto troppo pesante da vivere. La Iena non ha mai voluto sottovalutare il suo male, probabilmente solo esorcizzarlo. C’è però chi le ha scritto di parlare della malattia solo per farsi pubblicità. Un’accusa infamante che la conduttrice delle Iene ha preferto ignorare:

“Ricordati bene che non sei l’unica ad avere il cancro, molte persone non hanno la tua fortuna e non riescono a curarsi, a te i soldi non mancano e puoi avere le cure migliori quindi smettila di farti tutta questa pubblicità”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!