Il weird italiano a Reggio Emilia grida un solo nome: Luigi Musolino

musolino copertina evento

Uironda, l’inferno in terra!

Sabato 16 a Reggio Emilia si terrà un grande evento. Verrà presentato il suo libro alle 18:00 in via squadroni 10/a.

Musolino è l’autore che ad oggi  rappresenta, per me la narrativa horror e weird in assoluto. Leggendo un suo scritto, tutti i sensi vengono coinvolti e straziati, proprio come se fossimo una vittima di un  cenobita barkeriano. Esaltazione della sofferenza, non solo fisica, in quanto i protagonisti vivono un inferno personale e claustrofobico. Dopodomani presenterà la raccolta ed è un peccato che la località sia, per me genovese, distante e irraggiungibile esattamente come lo è Uironda. L ‘immaginario Dell’autore ci spinge in un paese prigioniero da colline nere, formiche particolari, città di sangue e carne, crepe nei muri e tanti altri soggetti lovecraftiani!

La qualità primaria, per un autore (lo dico da lettore) è rendere lo scritto, fluido. Musolino lo fa e con classe, perché non usa solo terminologia “spiccia”, “popolare”, usa tantissimi termini ricercati, che se uno non è bravo, appesantisce e rovina l’opera. Lui no. Quando troviamo un termine sofisticato, la frase ci scivola via e noi comuni lettori, rimaniamo sorpresi di aver compreso esattamente quello che l’autore ci voleva indicare.

Per non parlare dei luoghi in cui si svolgono i racconti, altra cosa che rende sublime leggere letteratura nostrana. L’immedesimazione provata è istantanea. Tutti prendiamo l’autobus o l’abbiamo preso per andare a lavoro. Tutti ci siamo ritrovati ad affrontare avventure nei rioni del proprio quartiere e sicuramente abbiamo fissato una crepa, troppo a lungo, specialmente con una birra di troppo in corpo. Quello che voglio dire è che l’orrore dietro una porta americana ha un peso, l’orrore dietro la nostra porta, un altro. Altre riflessioni, altre paure e altre fobie.

Per chi può, da non perdere la ghiotta occasione, di gustare in un sol boccone, il lato oscuro dell’Italia, dal vivo!

Per gli altri comprate il libro o giocate in qualche dimensione oscura come quella di Resident Evil!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!