Home Spettacolo Amici: due ballerini professionisti sono in ospedale, ecco il motivo

Amici: due ballerini professionisti sono in ospedale, ecco il motivo

0
Amici: due ballerini professionisti sono in ospedale, ecco il motivo
Amici: due ballerini professionisti sono in ospedale, ecco il motivo

Nelle ultime ore due ballerini professionisti di “Amici” sono finiti in ospedale per motivi diversi.

Dopo pochi giorni dalla finale del talent show “Amici 17”, arriva una brutta notizia che riguarda due ballerini professionisti.
Si tratta di Marcello Sacchetta e Andreas Muller, che nelle ultime ore sono finiti in ospedale per motivi diversi.

“Amici”: Marcello Sacchetta è stato operato

Marcello Sacchetta, professionista della trasmissione dedicata al canto e al ballo condotta da Maria De Filippi, ieri ha subito un intervento in una clinica romana. A dare la notizia è stata la fidanzata del ballerino, Giulia Pauselli con queste seguenti parole: “I super poteri non esistono ma esistono gli eroi. Quelli che ballano la finale di Amici con il menisco rotto e con grande silenzio e professionalità portano a casa il migliore dei risultati”. Per fortuna la ragazza del professionista, ha rassicurato gli utenti sui social, perché ha detto che l’operazione è andata bene.

“Amici”, Andreas Muller: “E’ dura ma vincerò”

Dopo Marcello Sacchetta, anche il ballerino Andreas Muller è finito in ospedale. L’ex vincitore di “Amici” ha annunciato ai suoi fan la situazione che sta vivendo. Purtroppo al momento non sono state rese note le ragioni che hanno causato il malore.

Il professionista del talent di Canale 5 tramite Instragram ha condiviso alcune sue foto e ha aggiunto con questo lungo messaggio:

“Volevo dirvi che sto bene. E’ iniziato tutto con la febbre alta e i dolori alla pancia. Non riuscivo a mangiare ed andavo in bagno ogni secondo. Così, visto che il tutto non passava, sono venuto al pronto soccorso a causa dei forti dolori. Mi hanno fatto prelievi e avevo le statistiche sbalzate, quindi hanno iniziato a farmi le flebo per provare in endovena a far entrare liquidi ed antibiotici. Ma si sta prolungando il tutto. Anche oggi dovrò rimanere qui perché, anche se la febbre è scesa, e nonostante mi abbiano tenuto anche un giorno intero con solo acqua e senza cibo, continuo a scaricare anche i liquidi dalle flebo. Speravo di tornare a casa oggi e invece devo rimanere qui, per fare altri controlli ed altre analisi per capire”.

Infine Andreas ha dimostrato di avere sempre carattere e tenacia, perché ha scritto: “Per chi mi conosce sa che per me può andare bene tutto tranne che non mangiare. Sto vivendo un incubo e ho fame. Non mangio da tre giorni. E’ dura soprattutto oggi tra debolezza e altri mille prelievi o buchi invano, soprattutto è brutto vedersi allo specchio e vedersi sempre più deperiti ma vincerò“.