Roberto Saviano bacchetta di nuovo Matteo Savini: ‘Prima gli italiani? E’ da stupidi’

Roberto Saviano attacca nuovamente Matteo Salvini

Arriva un nuovo durissimo attacco di Roberto Saviano contro Matteo Salvini e la Lega Nord. Per lo scrittore napoletano ormai è un chiodo fisso. E così dopo aver fatto delle forti affermazioni alla Pontida, l’autore di ‘Gomorra’ ha attaccato lo slogan del Carroccio.

Roberto Saviano torna all’attacco contro Matteo Salvini 

“Prima gli italiani. È tanto stupido quanto vuoto. i flussi migratori sono una sfida vera, una sfida umanitaria ed economica. Una sfida che non dobbiamo perdere”,

ha scritto Saviano attraverso una lettera ad ‘Articolo 21’. Martedì 3 luglio il giornalista partenopeo verrà premiato nel corso dell’assemblea annuale dell’associazione presieduta da Elisa Marincola, Paolo Borrometi. L’autore di ‘Gomorra’ ha affermato che questo premio viene accolto con gioia tanto più perché arriva in un momento molto difficile, e non solo per lui.

La nuova sparata di Roberto Saviano sull’immigrazione 

“Da un lato la necessità e il dovere di occuparci chi ha bisogno di aiuto e dall’altro la consapevolezza che aiutando loro, aiutiamo noi stessi”.

La missiva scritta da Roberto Saviano può essere considerata una vera e propria sparata a favore dell’immigrazione. Secondo lo scrittore, tutti i gli immigrati che arrivano dal Nord Africa sono una linfa vitale per l’Europa.

L’affondo di Saviano alla Lega Nord 

“Se negli ospedali pubblici non ci sono posti per gli italiani, non è certo perché i letti sono occupati da migranti, ma perché c’è una cattiva gestione della sanità pubblica”,

ha dichiarato il partenopeo prendendosela con i politici italiani che in questi anni non sono stati in grado di gestire la sanità, le scuole e altri enti della Pubblica Amministrazione. Infine ha fttoa un nuovo affondo alla Lega Nord di Matteo Salvini accusandoli di aver effettuato una truffa plurimilionaria allo Stato avendo dei rapporto con la ndrangheta e i conto correnti sequestrati. Arriverà la replica da parte del Ministro degli Interni?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!