Malore cardiaco per Toto Cotugno: aggiornamenti sulle sue condizioni

Toto Cotugno: malore cardiaco per il cantante

Malore cardiaco per Toto Cotugno. Il famoso cantante italiano ha accusato un malore sabato 30 giugno a Seraigne, una cittadina del Belgio. Toto Cotugno era atteso come ospite d’onore al festival della canzone italiana nella località francofona.

L’esibizione è stata cancellata dopo l’improvviso malessere che ha costretto Cotugno al ricovero in ospedale a Liegi. A darne la notizia è stato Eric Vanbrabant con un post su Facebook dove ha spiegato che Toto Cotugno aveva avuto un malore cardiaco e perciò ricoverato in una struttura ospedaliera belga.

Una notizia che ha fatto preoccupare moltissimo i milioni di fans che ancora seguono da vicino le esibizioni del famoso cantante.

Prime dichiarazioni di Toto Cotugno dopo il malore

Malore cardiaco per Toto Catugno. Il cantante de “L’italiano”, ha dovuto annullare il concerto gratuito che si doveva tenere a Seraigne, una cittadina belga. Toto è dovuto ricorrere alle cure ospedaliere dopo un improvviso malessere. A rendere nota la notizia è stato l’assessore allo sport ed alla cultura, che ha ringraziato i fans per il sostegno che hanno dichiarato verso il cantante italiano, costretto al forfait improvviso.

Inoltre il politico ha tranquillizzato gli ammiratori di Toto Cotugno dichiarando queste testuali parole:

”Ne approfitto per darvi notizie di Toto, attualmente è ancora in ospedale e le sue condizioni sono stabili, questa la cosa più importante”.

Ma ecco arrivare le prime dichiarazioni di Toto Cotugno all’Ansa. Cotugno ha rivelato di essere ancora ricoverato in ospedale, dove è coccolato da medici e infermieri italiani e russi.

Inoltre ha detto che dovrà rimanere ancora in ospedale per qualche giorno, precisando che il malessere era dovuto solo al caldo eccessivo di questi giorni. Infine lo staff ha rivelato che non si è trattato di un problema al cuore, ma di un momento di debolezza dovuto alla stanchezza ed all’afa presente in Belgio in questi giorni.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!