Il cantante de Lo Stato Sociale offende Matteo Salvini: “Xenofobo e contrario al principio di accoglienza…”

Matteo Salvini
Lo Stato Sociale contro Matteo Salvini

Ci risiamo, un altro cantante si dichiara apertamente contro Matteo Salvini. La Rivista Rolling Stone ha aperto il vaso di pandora e uno dopo l’altro i personaggi famosi stanno gettando la maschera rivelano la propria vena politica

Matteo Salvini si sarà ormai abituato alle accuse ricevute dai noti nomi del mondo della musica e dello spettacolo. Di recente Roberto Vecchioni, Luca Barbarossa e Fiorella Mannoia han preso posizione contro il leader della Lega. A questi si è di recente aggiunto anche il cantante de’ Lo Stato Social, Lodo Guenzi.

Lodo Guenzi contro Matteo Salvini

Il cantante leader del gruppo, Lodo Guenzi, Non è la prima volta per un musicista o cantante si schiera contro Matteo Salvini. Il vicepremier, da quando ha deciso di formare il Governo con il M5s, ha diviso l’Italia in due. In molti non condividono il suo modo di fare riguardo, in particolare, alla questione migranti.

Come sappiamo, il leader della Lega, ha chiuso i porti e limitato in maniera massiccia il flusso di migranti in Italia. Questo non è sembrato giusto e civile a parecchi cittadini noti e meno noti. Ecco cosa ha dichiarato il cantante de Lo Stato Sociale.

Le parole al vetriolo di Lodo contro Salvini

Lodo Guenzi, in rappresentanza del suo gruppo, è fortemente contrario al pugno duro contro i migranti.  In un intervento al Corriere della Sera il cantante degli Stato Sociale aveva dichiarato qualche settimana fa:

Salvini è xenofobo e contrario al principio dell’accoglienza, principio base della civiltà. Impossibile per noi andare d’accordo con lui.

Poche parole che hanno subito chiarito la sua posizione. Poichè si tratta di un personaggio famoso, Matteo Salvini rispose, manifestando la sua più totale indifferenza nei confronti delle parole del leader de Lo Stato Sociale. Con ironia twittò:

Non ti sto simpatico? Me ne farò una ragione, canta che ti passa, compagno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!