Home Italia Roberto Saviano attacca di nuovo Salvini: ‘E’ un traditore della patria, finanzia…’

Roberto Saviano attacca di nuovo Salvini: ‘E’ un traditore della patria, finanzia…’

0
Roberto Saviano attacca di nuovo Salvini: ‘E’ un traditore della patria, finanzia…’
Roberto Saviano attacca di nuovo Matteo Salvini

La diatriba fra Roberto Saviano e il leader della Lega Nord Matteo Salvini non intende placarsi. Il neo Ministro degli Interni ha querelato lo scrittore napoletano per le parole choc che ha utilizzato sul suo profilo Instagram: il giornalista lo aveva definito come il ‘Ministro della malavita’.

Roberto Saviano attacca pesantemente il Ministro degli Interni

Quando il vice-premier, qualche giorno fa  in diretta a ‘In onda’ su La7, ha annunciato che la querela per Roberto Saviano era già stata fatta. L’ideatore di ‘Gomorra’, a quel punto, ha deciso di replicare sui social network.

“Un Ministro che querela uno scrittore per aver manifestato liberamente il suo pensiero è un altro passo verso la Russia di Putin. Spero che Salvini mi quereli sul serio, non vedo l’ora di trovarmi con lui davanti a un giudice: avrebbe l’obbligo di dire la verità, per lui un’esperienza nuova”,

ha detto Saviano. Accanto a queste parole, quest’ultimo ha postato anche delle immagini di Salvini nella Piazza Rossa di Mosca che indossava una maglietta pro-Putin.

La frecciatina di Saviano a Salvini 

Nel suo post, lo scrittore partenopeo ha poi ricordato il caso della Lega Nord, ovvero dei suoi fondi dispersi. L’uomo ha affermato che con quei 49 milioni euro ‘rubati’ invece di manipolare l’ingenuità dei suoi elettori, il leader del Carroccio potrebbe sfruttare qualche linea di credito già aperta con lo zar Vladimir. Secondo Saviano, un giorno non proprio lontano tutti gli italiani si renderanno conto chi è il vero traditore della patria.

Il ministro Danilo Toninelli ha deciso di entrare nella diatriba difendendo Salvini e, su Twitter, ha sottolineato che Saviano dovrebbe ricordarsi che i 100 migranti sono naufragati in acque territoriali Libiche dove non è consentito entrare.