Home Italia Lo scrittore Erri De Luca si scaglia contro Matteo Salvini: “Fa il guappo con i deboli…”

Lo scrittore Erri De Luca si scaglia contro Matteo Salvini: “Fa il guappo con i deboli…”

0
Lo scrittore Erri De Luca si scaglia contro Matteo Salvini: “Fa il guappo con i deboli…”
Erri De Luca attacca Matteo Salvini

Matteo Salvini riceve un altro attacco questa volta dallo scrittore napoletano Erri De Luca. Ecco cosa ha detto del Ministro dell’interno in una recente intervista

In un intervista recente lo scrittore Erri De Luca ha espresso la sua opinione su Matteo Salvini. Le sue parole sono molto dure e sicuramente non condivisibili dai sostenitori di del vicepremier. Ecco cosa ha detto lo scrittore.

Le parole di Erri De Luca

Alla domanda sulla questione circa i migranti, lo scrittore Erri De Luca, tira in ballo Matteo Salvini e rivela senza peli sulla lingua la sua opinione:

Questo ministro attuale approfitta largamente dell’operato precedente. Di suo aggiunge la beceraggine del guappo di cartone, quello che fa il forte coi più deboli.

Insomma, lo scrittore non è un sostenitore del Ministro dell’Interno. De Luca quindi si inserisce nell’elenco delle persone che odiano il modo di fare del Ministro. Negli ultimi tempi tanti artisti e personaggi del mondo dello spettacolo hanno preso una posizione contro Salvini, Fiorella Mannoia, Fabio Fazio, Roberto Vecchioni, etc.

Erri De Luca, l’attacco a Salvini

Erri De Luca si esprime anche sull’iniziativa della maglietta rossa. Lo scrittore si dimostra positivo all’iniziativa e piacevolmente colpito:

Non costa nulla infilare una maglia, che anche con una scritta sopra, resta muta. Ci vogliono azioni che costino qualcosa a chi decide di battersi contro la disumanità programmata e sbandierata. Non è ora di moderare i termini. Comunque stasera sono in una trasmissione televisiva con una camicia rossa. Hanno senso tutto i gesti individuali e collettivi che facciano argine, che blocchino le porte girevoli e gli ingressi come facevano gli scioperi operai.

E sulla mediaticità del leader della Lega, lo scrittore si esprime così:

Gli organi di informazione sono servizievoli, assecondano l’imbonitore in carica, gli amplificano la voce. Anche questa domanda in questo momento sta riportando le dichiarazioni e le ragioni di disprezzo di un guappo di rione che si piglia l’applauso dei sondaggi a ogni sputo in faccia che rivolge dritto in faccia alle telecamere.