Tragedia in Giappone: più di 100 morti e decine di dispersi – FOTO

Tragedia in Giappone

Dall’euforia dei Mondiali alla tragedia più assurda: il Giappone ha avuto un disastroso risveglio stamattina. Il maltempo ha messo in ginocchio il paese. Ecco cosa è accaduto

In Giappone si è verificata una vera e propria tragedia poche ore fa per via del maltempo. Adesso, le forse dell’ordine e i volontari stanno cercando di quantificare i danni. Purtroppo sono già centinaia i morti e decine i dispersi.

I danni delle piogge in Giappone

Il caldo può provare anche piogge torrenziale e sono state proprio queste in Giappone a causare il disastro. Il paese del sol levante è stato praticamente inondato. Le inondazioni hai poi provocato orribili frane. Sono 100 le vittime, ma il bilancio è provvisorio:sono ancora tantissimi i dispersi e si pensa al peggio. E’ da giovedì scorso che è iniziata l’allerta maltempo.

A Kurashiki, una delle zone più distrutte dalle piogge, sette persone sono state trovate morte proprio questa mattina. Alcuni sono rimasti incastrati in edifici e abitazioni. Il premier Shinzo Abe, per coordinare meglio le operazioni di salvataggio, ha annunciato la cancellazione del viaggio già pianificato in Europa e Medio Oriente. Abe dovrebbe visitare le regioni del Kansai e del Kyushu, tra le più distrutte dalle piogge.

Si ferma il Giappone

Il maltempo ha provocato l’arresto del Giappone. Parecchie attività, per via delle piogge, le inondazioni e le frane sono state interrotte, come la produzioni delle celebri auto. Le piogge torrenziali si sono abbattute sopratutto nelle zone  del Kansai e del Kyushu, nel Giappone centro occidentale, hanno costretto diverse aziende del settore auto a mettere in stand by le produzione.

I dirigenti della Daihatsu hanno deciso di fermare momentaneamente le catene di assemblaggio dei veicoli in quattro prefetture, incluse quelle di Kyoto e Osaka: è impossibile reperire pezzi di ricambio. La stessa decisione è stata presa dalla Mazda per quanto riguarda gli stabilimenti ad Hiroshima e Yamaguchi. Notevoli i disagi anche relativi alla viabilità.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!